Potrebbero rimanere entrambi, come cambiare e fare un salto di qualità. Simone Inzaghi e Gian Piero Gasperini sono due uomini mercato per la prossima estate, pur considerando che le big dovranno tutte (o quasi) cambiare tecnico. Entrambi da tre anni stanno facendo cose mirabolanti: Inzaghi ha vinto una Supercoppa Italiana, più due finali di Coppa Italia, Gasp si è qualificato (o quasi) con l'Atalanta all'Europa League, forse addirittura centrare il quarto posto.

SIMONE INZAGHI - Situazione che è da valutare per il tecnico, forse arrivato al capolinea dopo il triennio. Lotito ha detto più volte di volerlo tenere in qualsiasi caso, anche se non dovesse qualificarsi all'Europa. Dall'altra parte il profilo è quello che piace sia a Milan che a Juventus, ovviamente subordinato ad altri nomi. Un anno fa era la prima scelta se i bianconeri non avessero dovuto continuare con Massimiliano Allegri, ora la valutazione da fare è leggermente diversa. Paradossalmente potrebbe anche finire ad allenare l'Atalanta, in caso di un addio di Gasperini.

GIAN PIERO GASPERINI - Straordinario, un quarto posto e un settimo, il sogno Signal Iduna Park in Europa League, lo sgambetto Copenaghen al Parken. Fino alla finale di Coppa Italia e la possibilità di arrivare al quarto posto al termine della miglior stagione della storia atalantina. Sono tante le società che stanno pensando di affidare la panchina a lui, il presidente Antonio Percassi ha più volte rimarcato come lui non vada da nessuna parte, ma a sessant'anni potrebbe essere anche l'ultima opportunità in una grande, tra Milan e Roma. Sicuramente farebbe carte false per allenare la Juventus, dopo essere stato allenatore della Primavera, ma lì il suo nome è più indietro nelle gerarchie.

Sezione: Altre news / Data: Mer 15 Maggio 2019 alle 20:15 / Fonte: Andrea Losapio
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print