Atalanta periodo nero, il Cagliari espugna ancora Bergamo con Barella

02.09.2018 22:35 di Redazione TuttoAtalanta.com Twitter:   articolo letto 343 volte
Fonte: tuttomercatoweb.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Atalanta periodo nero, il Cagliari espugna ancora Bergamo con Barella

Un bel Cagliari batte l'Atalanta per 1-0 grazie alla punizione di Barella. Nerazzurri irrisconoscibili.

LE FORMAZIONI - L'Atalanta si presenta di nuovo davanti ai propri tifosi dopo la notte maledetta di Copenaghen, senza il suo capitano. Alejandro Gomez va solo in panchina, così come Musa Barrow, soppiantato da Duvan Zapata. Rigoni infila la seconda presenza di fila, Pasalic è dietro di loro. In porta ci va Berisha, difesa con Djimsiti e Mancini con Masiello, cambiano le fasce: Hateboer e Adnan. Il Cagliari si affida a Pavoletti e Sau in avanti, poi classico centrocampo a tre con Castro, Bradaric e Barella, Ionita suggeritore. Cragno tra i pali, Srna e Padoin sulle corsie difensive, con Klavan e Romagna centrali.

CATINO BOLLENTE - Per riprendersi dall'eliminazione subita a Copenaghen, le curve provano a metterci del loro. Non manca uno striscione per Cornelius ("In bocca al lupo Andreas") nonostante le ultime controverse ore in maglia nerazzurra. Il Cagliari tenta di imbrigliare gli avversari, sebbene Freuler vada via dopo 9 minuti e metta in mezzo un pallone pericoloso che prima Padoin e poi Romagna - quest'ultimo su tiro di de Roon - riescono a sbrogliare. Sull'angolo successivo Rigoni tenta di innescare Zapata, ma rischia più di siglare un Olimpico. I sardi rispondono con un tentativo di Pavoletti al quarto d'ora, troppo debole per sorprendere Berisha.

MEGLIO IL CAGLIARI - L'andamento troppo lento dei padroni di casa danno agio al Cagliari, con Pavoletti che battaglia con la difesa e Sau che gli gira intorno. E poi si stacca dall'uomo, come al minuto 29, quando Barella gli recapita sul destro un pallone solo da toccare in porta. Conclusione pessima che sfila in orizzontale lontano dalla porta. Gli ospiti però si fanno preferire, soprattutto in fase difensiva, riuscendo spesso a togliere problemi alla retroguardia. Così sembra quasi evidente il finale: Djimsiti e Hateboer compiono un mezzo patatrac, Sau si infila e l'albanese lo stende. Giallo e punizione dal lato corto dell'area di rigore, con Barella che spedisce un pallone molto tagliato in mezzo. Pasalic ci mette la zucca e beffa Berisha. 0-1, meritato, all'intervallo.

DENTRO GOMEZ - Gasperini capisce di dover cambiare qualcosa e quindi inserisce un altro attaccante, passando a un 4-2-3-1 con l'argentino che va a sinistra. Qualcosa succede, come un tiro del Papu, comunque flebile per impensierire Cragno. Poi Zapata, nell'unico spunto della prima ora di gioco, si libera di Romagna e sbaglia la conclusione, la sfera diventa buona per Rigoni che manda fuori. È comunque troppo poco per una squadra che, almeno sulla carta, sarebbe superiore all'avversario. Così il Cagliari va più vicino al secondo gol, con Farias, che l'Atalanta al pari. E il risultato non cambia più.

ATALANTA-CAGLIARI 0-1
Marcatori: Barella al 45'.

Atalanta (3-4-1-2)
Berisha; Mancini, Djimsiti (dal 46' Gomez), Masiello; Hateboer, de Roon, Freuler, Ali Adnan (dal 63' Gosens); Pasalic (dal 72' Barrow); Zapata, Rigoni.

Cagliari (4-3-1-2)
Cragno; Srna, Romagna, Klavan, Padoin; Castro (dal 74' Faragò), Bradaric, Barella; Ionita (dal 67' Dessena); Sau (dal 78' Farias), Pavoletti.