I bergamaschi sono al lavoro per blindare i propri uomini di punta in vista della prossima stagione

La stagione memorabile dell’Atalanta culminata con il terzo posto in classifica e la qualificazione alla prossima Champions League “obbliga” di fatto la dirigenza ad un mercato importante e competitivo che possa sorreggere un’intera annata a ritmi altissimi. Si dovrà competere su tre fronti ma la Champions League non è ovviamente l’Europa League e la Dea non vorrà prestarsi al ruolo di vittima sacrificale dei grandi club, bensì provare a giocarsi le sue carte per continuare a stupire.

Il rinnovo del mister Gian Piero Gasperini fino al 2022 è già un segnale forte da parte della società; l’artefice di questo miracolo non si tocca ed anzi si blinda perché le motivazioni sono alte e l’Atalanta ha un progetto serio e ambizioso.

Dopo l’allenatore chiaramente vanno trattenuti anche i pezzi da novanta della squadra, capaci di issare la compagine bergamasca su vette mai toccate prima; su tutti è importante tenere Ilicic e Gomez che insieme a Zapata hanno reso l’attacco atalantino il più prolifico in Serie A. Il presidente Percassi si incontrerà con loro in settimana ed in previsione c’è un rinnovo fino al 2023 per entrambi.

Per puntellare ulteriormente il reparto offensivo la dirigenza sta pensando a Muriel, che non verrà riscattato dalla Fiorentina e che ha un valore di mercato di circa 15 milioni di euro. Il colombiano potrebbe giocare sia da ala offensiva che da attaccante puro andando ad affiancare il suo connazionale Zapata in quella che sarebbe una coppia davvero devastante.

L’Atalanta vuole continuare a sognare, a far parlare di sé non solo in Italia ma anche all’estero e la Champions League metterà sicuramente in vetrina la squadra che ha tutte le intenzioni di dimostrare che quella che verrà sarà l’ennesima stagione importante di una squadra ormai diventata grande.

Sezione: Altre news / Data: Mer 12 Giugno 2019 alle 08:30 / Fonte: passionedelcalcio.it
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print