Fiorentina, Sousa: "Complimenti a Gasperini. Ilicic ok"

 di Twitter @tuttoatalanta Twitter:   articolo letto 2449 volte
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Fiorentina, Sousa: "Complimenti a Gasperini. Ilicic ok"

Queste le parole di Paulo Sousa, tecnico della Fiorentina, in conferenza stampa alla vigilia della sfida con l'Atalanta:

Sulla gara con l'Atalanta: "Noi cerchiamo sempre di preparare le partite per vincere. L'Atalanta merita la sua classifica per quello che sta facendo, questo ci deve dare più voglia di vincere, cercando di migliorare i nostri errori che ci sono costati diversi punti. Loro stanno facendo molto bene, sono in un momento positivo ed hanno qualità: voglio fare i complimenti a Gasperini ed ai ragazzi dell'Atalanta per il loro campionato, sono un esempio che ci dà voglia di continuare e migliorare il nostro lavoro".

Sui tanti gol subiti: "Anche lo scorso anno, quando abbiamo vinto tanto, ho sempre detto che non eravamo imbattibili. Solo che abbiamo fatto sempre più gol degli avversari, siamo riusciti a sorprendere tutti visto che le aspettative erano molto più basse. Riuscivamo sempre a segnare gol subito, e con il palleggio riuscivamo a gestire. Gli errori c'erano già, ma una volta calato l'entusiasmo si sono notati di più".

Su Bernardeschi e Ilicic: "Josip si è allenato ieri, Federico no. Bernardeschi ha sempre dato la sua disponibilità, è un valore aggiunto della squadra. Ha fatto delle infiltrazioni per giocare le ultime gare, per un allenatore questa disponibilità è qualcosa di straordinario. Questa è leadership"

Sulla mancanza di leadership: "Per me i miei giocatori sono i migliori, devo essere io a motivarli e guidarli. Noi cerchiamo sempre di migliorare".

Sulle seconde linee: "Noi lavoriamo sempre per vincere, non è cambiato niente. I giovani? Per me non ci sono differenze di età, per me sono giocatori utili per aiutare a vincere la Fiorentina. Hagi? Spero di potergli dare più minuti da qui alla fine della stagione, ha lavorato bene con noi fin dall'inizio della stagione".

Sull'Atalanta: "È un esempio, ma lo è da anni. Può arrivare a grandi traguardi grazie alla sua cultura calcistica".

Sulle parole di Chiesa: "Io l'avevo visto giocare in Primavera, ha avuto la naturale possibilità di giocare in prima squadra. Io lavoro per i miei giocatori, per farli crescere e farli diventare sempre più intelligenti a livello tattico".

Su Babacar: "Babacar come tutti gli altri può partire dall'inizio o giocare a gara in corso. Sta lavorando bene, sta crescendo anche a livello tattico. Sta migliorando anche l'intesa con i suoi compagni".

Sulla squadra che segue il mister: "Quello che vedo in campo è una garanzia. Si allenano sempre al massimo, danno tutto in campo. Mi hanno sempre dimostrato questo attaccamento".

Sul suo futuro: "Non posso fare un'analisi sul mio percorso in viola. Io sono concentrato sul presente, per cercare di vincere il più possibile insieme ai ragazzi".

Sulla vera Fiorentina di questa stagione: "Quella che mi piace vedere, quella ambiziosa, che crea tanto e segna tanto. Noi creiamo molto di più rispetto ai nostri avversari, in alcune partite siamo più concreti e riusciamo a portare a casa la vittoria. Io cerco di lavorare ogni giorno per migliorare, conoscendo i nostri limiti".