Josip Ilicic, fantasista dell'Atalanta, parla così dei tredici minuti vissuti nella scorsa giornata contro la Fiorentina, nel ricordo di Astori: "In quei tredici minuti ho sofferto molto, avevo un rapporto di grande amicizia con lui, anche fuori dal campo. La mia malattia? Per quasi due settimane non ho chiuso occhio, ora ho chiuso quella pagina e mi devo divertire, fare il gioco che mi piace e che ho fatto per tutta la mia vita. Cosa mi piace fare in campo? Nella mia vita di calciatore ho fatto quasi tutto, mi piace venire a prendere palla e costruire.

Gomez? Ci siamo trovati, nel nostro ruolo bisogna sapere fare un po' tutto, lo possono fare solo i giocatori completi. Duvan? Ha trovato le misure che alla Samp gli mancavano, può fare tanti gol. La Samp? Sono stato molto vicino, poi mi ha chiamato Sartori. Contro di loro sarà dura, in casa sono molto forti ma se noi ci ripetiamo non dobbiamo avere paura.

L'Europa? Abbiamo il ricordo dell'anno scorso, fu una giornata emozionante per tutti la sfida contro il Borussia Dortmund, io voglio tornare a vivere quelle emozioni. Pronto per un top club? E' da quando sono nato che sono pronto per una big", le sue parole ai microfoni di Sky.

Sezione: Altre news / Data: Sab 9 Marzo 2019 alle 13:00
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print