S'è trovato più o meno nella stessa situazione un anno fa, quando ha salutato la Juventus dopo ben 17 anni di militanza e fedeltà. Gigi Buffon deve adesso valutare le proposte arrivate sul tavolo per la seconda estate di fila. Un anno fa la voglia di inseguire la Champions League l'ha fatta da padrone e il PSG rispondeva appieno a questa esigenza, questa volta potrebbe prevalere la semplice passione per il calcio. Una porta da salvaguardare, un pallone da respingere per tenere imbattuta la sua rete. A 41 anni come quando ne aveva 15.

Genoa, Parma, Lazio e Atalanta. Le piste italiane sono suggestive, perché il grifone aveva il gradimento dell'esperto portiere quando era ragazzino mentre i ducali hanno avuto il merito di averlo lanciato nel calcio che conta. Il ritorno in Emilia sembra più di una semplice suggestione, secondo quanto filtrato nelle scorse ore. La Lazio ci spera per affidargli le chiavi dello spogliatoio, vista la grande esperienza, mentre la Dea può puntarci per la prima storica avventura in Champions.

Pista estera. La Fluminense ha ammesso di aver pensato al campione del mondo nel 2006, in Spagna circolano anche voci legate al Barcellona. Difficile pensare che i catalani possano offrirgli il posto da titolare indiscusso, potrebbe magari accettare il ruolo da protagonista in Champions. Un po' come avvenuto all'ombra della torre Eiffel, per lanciare un nuovo assalto alla coppa dalle grandi orecchie.

Pista FIGC. Buffon non sembra avere intenzione di appendere i guantoni al chiodo, vorrebbe giocare ancora una stagione mentre la Federazione pensa a lui per il dopo Oriali, diretto all'Inter di Antonio Conte. Il futuro nei prossimi giorni, ma senza eccessiva fretta. Il vantaggio di un campione come Buffon è proprio questo, poter scegliere cosa fare da qui a un anno senza eccessiva pressione.

Sezione: Altre news / Data: Mar 11 Giugno 2019 alle 11:00
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print