Le pagelle dell'Atalanta - Pasalic, esordio super! Toloi-Gomez sugli scudi

09.08.2018 20:51 di Redazione TuttoAtalanta.com Twitter:   articolo letto 2160 volte
Fonte: tuttomercatoweb
tuttoatalanta.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
tuttoatalanta.com

Gollini 6 - Non ha colpe sul timbro di Buzaglo. Poi la squadra decolla e la sua serata si fa placida: si oppone al vivace Plakushchenko, reattivo sull'incornata in tuffo di Papazoglou.

Toloi 7 - Distratto sul vantaggio a sorpresa israeliano. Si rifà con il delizioso assist da fantasista per il raddoppio di Zapata. Prestazione in crescendo: più esterno alto che difensore nel finale.

Palomino 6 - Si scrolla di dosso qualche indugio iniziale e guida con personalità la linea. L'eredità di Caldara può essere scomoda, ma l'argentino ha le spalle grosse e può giocarsi le sue chance in questa stagione.

Masiello 6 - Non naufraga nei primi dieci minuti di fuoco dell'Hapoel. Mai intimidito dalle scorribande nelle zone di sua competenza, zero affanni e rammendi sistematicamente puliti. Solita garanzia.

Hateboer 6,5 - Spinta costante sulla destra, mattatore nei primi quarantacinque: ripristina gli equilibri con un mancino chirurgico, ad un passo dalla doppietta personale con una zampata di destro.

De Roon 6 - Uomo d'ordine in mezzo al campo. La regia è ordinata, giocate di qualità e nessun azzardo. Zero break pirotecnici, ma garantisce equilibrio, forte di un ottimo senso tattico.

Freuler 6,5 - Doti in inserimento che s'esaltano quando le squadre si allungano. Nel primo tempo scocca un destro violento che si stampa sul montante alto. Fisiologico il calo nelle battute finali, ma riduce gli errori all'osso.

Gosens 6 - Che Malul non sia un fortino invalicabile lo s'intuisce sin da subito. Approfitta delle incertezze in copertura dell'avversario diretto per creare scompiglio sul binario mancino. Poche noie in chiusura.

Pessina 6 - Si destreggia con grande generosità sulla trequarti: garantisce buon raccordo, anche se stasera lo si nota più per la quantità, che per la qualità. Ma i colpi ci sono, così come la visione di gioco. (Dal 60' Pasalic 7 - Gol e assist all'esordio. Si candida per un ruolo da protagonista).

Zapata 6,5 - Il primo centro in nerazzurro è un marchio di fabbrica: approfitta dell'invenzione di Toloi per sgusciare via a Tamas e fulminare Setkus con un diagonale radente che s'insacca all'angolino. Prove d'intesa (che resta da affinare) con il Papu. (Dal 63' Barrow 6,5 - Timbra il poker e si divora il quinto gol. Assist per il centro di Pasalic).

Gomez 7 - Una cosa è chiara: con gli addii illustri dell'estate nerazzurra l'Atalanta non può prescindere dalle giocate del Papu. Rifinisce, ispira, cerca la porta: guida le discese orobiche, la fortuna non è dalla sua quando centra il legno da piazzato. (Dal 83' Cornelius 6 - Protagonista con un paio di ottime giocate).