Sulla falsa riga di Mattia Caldara. In casa Atalanta, già da qualche settimana, ci si interroga su quale potrà essere il futuro di Gianluca Mancini. Il difensore classe '96 ha sfruttato al meglio la prima stagione da protagonista senza se e senza ma e inevitabilmente le big, italiane ma non solo, hanno messo gli occhi su di lui. E ascoltando i fruscii di radiomercato, a poche settimane dalla fine del campionato, appare difficile immaginare una parmanenza a Bergamo.
25 presenze, 5 gol e 2 assist sono un bottino di tutto rispetto per un difensore centrale, sebbene il modulo e la filosofia di Gasperini facciano la differenza, in tal senso. Ma in questo campionato Mancini ha messo in mostra anche una crescita importante dal punto di vista della personalità. E la Roma, all'interno dei nostri confini, è stata la prima squadra a muoversi con convinzione. Certo, all'epoca c'era Monchi a muovere i fili del mercato, ma l'addio del dirigente spagnolo non ha certamente cancellato i report positivi. E in estate, soprattutto nel caso in cui dovesse partire Kostas Manolas, i giallorossi saranno nuovamente in prima fila per lui. Insieme al Napoli, club che in estate potrebbe vendere a peso d'oro Kalidou Koulibaly. E la valutazione? Nei mesi scorsi si parlava di 25 milioni di euro come base d'asta, ma verosimilmente il suo valore si è innalzato nelle ultime giornate. E la prossima estate, soprattutto se la Dea troverà un posto in Europa, potrebbero non bastare 30 milioni.

Sezione: Calciomercato / Data: Lun 22 Aprile 2019 alle 16:00
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print