Successo di misura per l'Atalanta, che continua la propria risalita in classifica sconfiggendo di misura il Cagliari. Punti pesanti per la squadra di Gasperini, che approfitta al meglio del pari tra Milan e Roma, ora i rossoneri sono distanti appena una lunghezza. Per i padroni di casa un successo sostanzialmente immeritato, con Maran che può recriminare sull'andamento degli episodi, in particolare sulla traversa che al 90' ha impedito a Deiola di portare il risultato sull'1-1 e regalare un punto che sarebbe stato importante.

TUTTO BLOCCATO - Il Cagliari si schiera con un inedito 3-5-1-1, contrapposizione quasi speculare al modulo di Gasperini, con l'obiettivo di frenare la grande condizione fisica e tecnica dimostrata dalla Dea in questo primo scorcio di 2019. Ritmi subito alti, coi rossoblù in pressione a tutto campo, una situazione che gli orobici patiscono evidentemente. Brutta tegola per Maran al 13', quando in seguito ad un contatto con Palomino Birsa rimedia uno stranissimo infortunio al gomito: lo sloveno, colpo di mercato invernale per i sardi, chiede subito il cambio, e al suo posto c'è Joao Pedro. La prima vera palla gol arriva al 21', con un colpo di testa di Djimsiti che costringe Cragno ad un tuffo miracoloso, proprio all'altezza della linea di porta. Ma la gara rimane ricca di errori e povera di giocate di qualità, anche per l'intenso pressing proposto dai padroni di casa, che non permettono ai centrocampisti orobici di organizzare la manovra.

HATEBOER LA SBLOCCA - Dopo la pausa tra i tempi, passano quattro minuti e l'Atalanta passa a condurre: Castagne crossa da sinistra e trova sul lato opposto l'inserimento in grande velocità e potenza di Hateboer, che di testa sovrasta Padoin e insacca alle spalle di Cragno. Proteste vibranti del laterale italiano, ma il gol è regolare. Il Cagliari alza il baricentro e va subito a pochi centimetri dal pari: Joao Pedro semina avversari come birilli e mette al centro, dove Pavoletti tocca ma non riesce a superare Berisha, bravo e fortunato nel deviare in corner.

CAGLIARI SFORTUNATO - Dopo il salvataggio del portiere albanese, il Cagliari si spegne offensiva, a dispetto dei cambi di Maran: Thereau non dà nulla, infortunandosi dopo venti minuti di invisibilità, mentre Pellegrini rivela nel ruolo e nei compiti uno stanco Padoin. Al contrario è l'Atalanta a essere pericolosa, dapprima con un tiro da fuori di Pasalic, poco dopo imitato da Ilicic: in entrambi i casi Cragno risponde presente. Ma l'ultima occasione della gara è proprio dei padroni di casa: corner di Joao Pedro e colpo di testa di Deiola, che impatta sulla traversa a Berisha battuto.

Sezione: Copertina / Data: Lun 4 Febbraio 2019 alle 23:00
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture