L'Atalanta va in Paradiso. Quello che in Serie A si chiama Champions League: 2-0 all'Udinese e quarto posto in classifica. I punti per i ragazzi di Gian Piero Gasperini sono 59, i gol che li regalano arrivano entrambi nel finale: sono quelli di Marten De Roon e Mario Pasalic. Freddo dal dischetto l'olandese, chirurgico da fuori il croato, già a segno nell'ultima di campionato contro il Napoli. Doppia esultanza a nove e quattro minuti dal novantesimo, un uno-due che certifica una partita giocata tutta all'attacco da parte dei nerazzurri, nonostante un brivido per il palo colpito da Rodrigo De Paul al 74'. Gasperini ringrazia e festeggia, Igor Tudor è costretto a fare i conti: il vantaggio sull'Empoli resta di quattro punti, la salvezza è ancora tutta da conquistare.

OUT ILICIC, LASAGNA CON PUSSETTO -
Privo di Josip Ilicic, in tribuna per una noia muscolare, Gasperini tiene lancia Pasalic, in gol anche nell'ultima di campionato. Con lui, il Papu, entrambi trequartisti alle spalle di Duvan Zapata. In difesa, invece, fuori Djimsiti e spazio a Masiello. Nei friulani, panchina per Okaka, con Tudor che schiera dal 1' la coppia offensiva composta da Lasagna e Pussetto, che sulla destra lascia spazio a D'Alessandro A centrocampo, visto l'infortunio di Fofana, arretra De Paul.

RITMO RITMO. GOSENS SFIORA IL GOL -
I padroni di casa si giocano la Champions, gli ospiti la permanenza in Serie A. Si vede: ritmo altissimo sin dall'avvio: l'Udinese come al solito punta sulla velocità dei suoi argentini; l'Atalanta risponde con possesso e manovra avvolgente, alla ricerca di Zapata, chiuso bene da De Maio e Musso nelle rispettive vesti. Al quarto d'ora, brivido per Gasperini: Gollini, nel tentativo di evitare l'angolo, tiene in campo una palla abbastanza innocua. Per sua fortuna, comunque, è reattivo nel recuperare. Replica orobica cinque minuti dopo: traversone su angolo, Gosens gira di testa, Musso replica con un gran riflesso.

ASSEDIO NERAZZURRO -
Col passare dei minuti, la partita prende un andamento chiaro e quasi univoco: l'Atalanta attacca, l'Udinese difende. Ancora Musso: l'argentino è chiamato agli straordinari su una gran botta di De Roon. Poi Gosens, sempre di testa, sfiora il palo alla sinistra del portiere dei friulani. E Samir anticipa Duvan pochi minuti dopo: il gol è nell'aria per tutta la seconda parte del primo tempo. ANche nel finale, quando Lasagna e lo stesso Zapata lo sfiorano. Peccato che non arrivi, e le squadre tornino negli spogliatoi sullo 0-0.

LA MOSSA DI GASP -
Al rientro dall'intervallo, Gasperini gioca le sue carte. Fuori un difensore, Mancini, per un attaccante: il giovanissimo Piccoli, classe 2001, centravanti della Primavera, considerato uno dei migliori prospetti dell'ultima "cucciolata" di Zingonia. È un cambio che, comunque, cambia la partita: l'Atalanta cerca meno il fraseggio dalla difesa (aiutata comunque da De Roon) e punta invece su una maggiore quantità di lanci lunghi, per tentare di saltare il pressing del centrocampo bianconero.

IL TANGO DEI NUMERI 10 -
L'Atalanta ci prova ma non ci riesce, sale in cattedra Papu Gomez. Un paio di stop sono da cineteca, il 10 di Gasperini tenta anche la conclusione personale da fuori area, dando a Musso la possibilità di mettersi in bella mostra con una gran parata. A sfiorare il gol è però De Paul, che si accende a intermittenza ma quando lo fa a un quarto d'ora dalla prima scocca una saetta che Gollini può solo guardare sfilare alla sua sinistra, ringraziando il palo per il sostegno alla causa orobica.

DOPPIO COLPO DA KO -
A dieci dalla fine, l'Atalanta va in Paradiso. Che poi si chiama Champions: Sandro atterra Masiello in area, Giacomelli non ha dubbi e indica il dischetto. Si presenta De Roon, che dopo una prestazione maiuscola trova anche il gol: Musso spiazzato, è 1-0 per i ragazzi di Gasperini. Che si sbloccano e mettono subito il montante sinistro: rasoiata di Pasalic da fuori, Musso ancora battuto, 2-0 e secondo gol consecutivo per il centrocampista. Un colpo da knockout per gli ospiti, un raddoppio praticamente immediato che chiude i giochi.

Il tabellino

ATALANTA-UDINESE 2-0 (81' De Roon, 86' Pasalic)

Ammoniti: 55' Zeegelaar, 63' Samir nell'Udinese.

ATALANTA (3-4-2-1): Gollini; Mancini (46' Piccoli), Palomino, Masiello; Hateboer, De Roon, Freuler (78' Djimsiti), Gosens (65' Castagne); Gomez, Pasalic; Zapata. Allenatore: Gian Piero Gasperini.
UDINESE (3-5-2): Musso; Stryger Larsen, De Maio (71' Nuytinck), Samir; D'Alessandro (85' Okaka), Mandragora (75' Badu), Sandro, De Paul, Zeegelaar; Pussetto, Lasagna. Allenatore: Igor Tudor.

Sezione: Copertina / Data: Lun 29 Aprile 2019 alle 21:15
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print