Il mercato è bollente, sicuramente c'è molta curiosità tra gli addetti ai lavori e i tifosi atalantini, per capire quali saranno i primi acquisti di rinforzamento della rosa, in vista della stagione 2019-2020. A tal proposito, abbiamo voluto contattare per un punto e un'opinione, il nostro Editore, nonchè Direttore Responsabile di TuttoAtalanta.com, Lorenzo Casalino: "Cosa staranno escogitando gli uomini di mercato della Dea? Senz'altro fino ad ora la condotta è delle più esemplari a parer mio - confida -, perchè la linea atalantina si sta muovendo su degli obiettivi come da grande club, alcuni sicuramente concreti e altri da depistaggio. Sì, perchè siamo coscienti che certe nomi accostati alla Dea potrebbero non essere alla portata della casse economiche del club, anche se gli entroiti dell'accesso alla Champions potrebbe in qualche modo rendere più agevole qualche sogno di mercato". 

Quale sarà a suo parere il primo acquisto ufficiale di questa nuova Atalanta?
"Non voglio essere banale, tanto meno scontato ma ritengo che i migliori acquisti della Dea saranno proprio le conferme, vale a dire sicuramente quelle del suo capitano Gomez, e mi auguro almeno uno tra Ilicic e Zapata". 

Pensa che qualcuno di questi Big possa esser sacrificato? 
"Il presidente Antonio Percassi è stato chiaro, però è anche vero che per fare una campagna di rafforzamento la Dea necessita di liquidità che può arrivare da un paio di cessioni importanti. Se poi a questo, si aggiungono certe volontà di alcuni giocatori, vale a dire quanto Ilicic ha fatto trapelare apertamente, lasciando aperta la pista Napoli. Se così fosse, allora logico che si andrà a valutare il bene dell'Atalanta sotto più punti di vista". 

Al di là delle punte di diamante, ad oggi almeno uno per reparto è richiesto dal mercato..
"Credo che non ci si debba scandalizzare se praticamente tutti i titolari, autori di una stagione da record, siano tra gli interessi degli altri. Spesso mi capita di leggere qualche malumore dei tifosi, quando capita di vedere accostato uno dei giocatori dell'Atalanta ad un altro club: se questo accade, perchè significa che hanno dimostrato di valere la Serie A e scene importanti, da lì alla cessione o altro, può passare di certo il mare sotto i ponti. Sognare anche per gli altri è lecito, ma la realtà è sempre diversa e son convinto che l'Atalanta e i Percassi abbiano, ad oggi ancora di più, una maturità sul mercato da rispettare, stimare e di prim'ordine". 

A quali giocatori pensava, al di là dei grandi big dell'attacco prima menzionati?
"Non voglio eccessivamente fare dei nomi, anche se li abbiamo letti e già detti subito in questo avvio di mercato: da Mancini a Castagne, da Gosens a Freuler. Ma quel che mi sento di dire che sicuramente le partenze sicure, ad oggi saranno quelle di Berisha, chiaramente chiuso dall'exploit di Gollini, di tutti i prestiti rientrati alla base, anche se Valzania lo vorrei rivedere e Barrow, che deve e ha bisogno di dimostrare con continuità di rendimento di esser un giocatore da Atalanta". 

Siamo curiosi, quali dei tanti obiettivi saranno gli innesti della nuova Atalanta di Gasperini.
"Ora come ora, sicuramente potrebbe non fare subito un colpo rumoroso, ma vedo Andrea Bertolacci vicino all'Atalanta, giocatore con esperienza e che saprebbe dare subito a Gasperini ciò che gli serve quando chiamato in causa. E' inoltre un'operazione di mercato intelligente, considerando che si svincola a parametro zero dal Milan. A ruota, sicuramente Manuel Lazzari è un giocatore che serve a quest'Atalanta, il lavoro degli esterni per il gioco di Gasperini è altissimo e servono almeno 4 titolari. Quindi, non stupiamoci se possano arrivare due bei giocatori proprio per la fasce ed uno di questi è appunto la rivelazione della SPAL, dove l'Atalanta è in vantaggio, grazie a delle contropartite tecniche che piacciono al club ferrarese: in primis entrambi i portieri di proprietà, Sportiello e Berisha, oltre che al prestito di Barrow". 

A proposito di SPAL, cosa ci dice di Andrea Petagna.
"Petagna non è solo un capitolo romantico per la Dea, lui è ancora molto unito ai colori nerazzurri ed uno degli amici stretti del Papu Gomez. A Ferrara, Petagna ha trovato la consacrazione di quel gol, che per certi versi è semplicemente mancato a Bergamo. Il lavoro che fece era stato straordinario, non va dimenticato e raggiunse subito la nazionale A. Conosce già gli schemi di Gasperini, potrebbe essere una buona alternativa in avanti ad un prezzo qualitativo alla portata". 

E Pavoletti? Percassi ha detto chiaramente che è un giocatore fortissimo... 
"Pavoletti non ha bisogno di presentazioni, è un attaccante che ha il fiuto del gol e vive per il gol - dichiara Casalino -. Difficile ad oggi poter dire se Pavoletti realmente può arrivare, sicuramente il sogno sarebbe averlo in rosa al fianco di Zapata. E' difficile capire se poi potrebbe essere un obiettivo, nel caso Zapata fosse sacrificato per una forte plusvalenza". 

Qual è il nome, invece, che comprerebbe o da fantacalcio s'immaginerebbe all'Atalanta? 
"Posso dire Buffon? Sì, perchè ad oggi io credo che, al di là che possa dividere o meno la piazza, stiamo parlando realmente di un campione, con la 'C' maiuscola che potrebbe davvero aiutare tantissimo l'Atalanta per svariati motivi. In primis la Champions League, non è l'Europa League: disputare certe competizioni non serve solo la condotta di un grande timoniere, come ha dimostrato di saper fare Gasperini, ma serve la voce nello spogliatoio, i consigli e l'esperienza di chi ad alti livelli ci ha appartenuto per tanti anni, e non ha fatto di certo delle sole apparizioni. L'Atalanta ad oggi può contare più debuttanti al palcoscenico europeo, che veterani. E allora che ben vengano rinforzi di questo calibro, perchè questi sono i profili che la Dea sta cercando per rinforzare la rosa. Il nome Buffon giusto perchè, inoltre, sarebbe la guida per la consacrazione del portiere del presente e del futuro: cioè Gollini, vicino a Buffon c'è solo da crescere. E il marketing? Buffon è seguito in tutto il mondo, e parliamo con un Presidente come Percassi che queste dinamiche di certo non le sottovaluta". 

Sezione: Esclusive TA / Data: Lun 10 Giugno 2019 alle 13:00
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print