Con Belotti fuori dai giochi a causa dell’infortunio e anche Ljajic per lo steso motivo al Torino serve subito un bomber che segni e apporti punti alla squadra. Quest’incombenza spetta a Maxi Lopez che ha la personalità e la capacità per assolvere a questo delicato compito. Maxi ha l’occasione per tornare a essere quello che entrò nel cuore dei tifosi granata quanto approdò al Torino fra lo scetticismo generale e in breve tempo seppe far ricredere tutti, anche i più scettici, a suon di gol. Le tre reti all’Athletic Bilbao, due all’andata e una al ritorno, segnarono l’apoteosi. Serve il Maxi Lopez che dopo la vittoria con il Chievo il diciassette maggio 2015, quando siglò una doppietta, promise: “Voglio arrivare in doppia cifra con il Toro” e mantenne la parola.

Il Torino in questo momento ha bisogno di Maxi Lopez, di quel Maxi Lopez determinato e determinante. Per raggiungere l’Europa ci vuole continuità di rendimento e quindi di punti conquistati partita dopo partita. Nel calcio si vince in un solo modo: segnando un gol più dell’avversario. Non è né banale né riduttivo è semplicemente la regola perché non è come nel pugilato che si può vincere anche ai punti. Come dice mister Mihajlovic: “In ogni partita chiedo ai miei giocatori la vittoria giocando bene, ma se poi non si gioca bene però si vince va bene lo stesso”.

Maxi Lopez dovrà segnare, anche i rigori se saranno concessi, e far segnare, dovrà mantenere il baricentro alto e far salire la squadra. Tanta responsabilità? Non ci sono dubbi, ma sono tutte cose che sa fare e i compagni gli daranno una mano, perché il bene di ognuno passa dal benessere di tutti.

Sezione: L'avversario / Data: Gio 8 Settembre 2016 alle 10:00 / articolo letto 1893 volte / Fonte: Torinogranata.it
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta