Passo indietro per l'attore Diego Abatantuono circa la sua fede calcistica. Qualche giorno fa aveva detto di voler tifare Atalanta e non più Milan, poiché impossibile sostenere una squadra diretta da un fondo bancario. Sul Corriere della Sera, però, una rettifica: "Il mio cuore resta milanista, tutto nasce dal cuore. Il calcio è fatto di tifosi, di persone oneste che pagano il biglietto. Avevamo un presidente che ci teneva, appassionato, adesso invece è uno sport fatto di business senza regole. Perché ho citato l'Atalanta? È la squadra che somiglia di più al calcio che intendo io: una dirigenza di persone di qualità che crede nei giovani. Al mercoledì vedrò la Dea in tv, almeno ho qualcosa da fare...".

Sezione: Altre news / Data: Mer 3 Luglio 2019 alle 00:00
Autore: Redazione TA
Vedi letture
Print