Nove vittorie consecutive e secondo posto a due sole lunghezze. L'Atalanta non si ferma nemmeno contro una Sampdoria ben messa in campo e che ha creato tantissimi problemi ai nerazzurri. Altri due gol fatti, ma soprattutto zero subiti: terzo clean sheet consecutivo e un rendimento che può convincere anche gli scettici. I risultati della giornata sono stati sfruttati, ora bisognerà capire se l'Inter tornerà in corsa approfittando dei due ko di Lazio e Juventus. Ad ogni modo la Dea c'è, non solo per i record e il bel gioco: la sensazione netta è che questa squadra riuscirà a reggere fino alla fine.

Dallo spettacolo alla concretezza - La Dea fatica tanto, ma alla fine porta a casa un risultato davvero complicato. Due gol nel finale, con Toloi ad aprire le marcature e Muriel a chiudere un'altra prova concreta: dai 7 gol e dalle reti a raffica fino alla porta blindata, i nerazzurri sono riusciti anche a portare a casa punti con prestazioni non eccellenti, ma efficaci. La Juventus al momento rimane irraggiungibile, ma tutto può ancora accadere nel match dell'Allianz Stadium.

Esame di maturità - Prima della sfida con la Dinamo Zagabria a settembre Percassi aveva detto che "l'Atalanta ora è arrivata all'università". Nei mesi sono state superate tantissime prove, ma ovviamente quello con la Juventus sarà un vero e proprio esame di maturità. Una prestazione convincente con punti al seguito potrebbe consacrare ancor di più una squadra che sta diventando grande ad ogni match di un campionato infinito.

Sezione: Altre news / Data: Gio 09 luglio 2020 alle 08:36
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print