Dieci gol in tre partite, tre vittorie consecutive e quarto posto semi-blindato, per non smentire totalmente le parole di Gian Piero Gasperini. Senza tornare troppo indietro con i numeri, altrimenti si rischia di rimanere incastrati in cifre mostruose. In settimana qualcuno ha mosso parecchi dubbi sulla clamorosa forma fisica dell'Atalanta, ma la serata della Dacia Arena ha evidenziato una compagine stanchissima e in netta difficoltà. Squadra sfilacciata tra i reparti e spesso assente dal punto di vista fisico, ma che comunque è stata in grado di non cedere: i nerazzurri non hanno corso proprio, ma hanno vinto lo stesso. E la qualificazione alla prossima Champions League, scaramanzie a parte, è sempre più vicina.

Terza vittoria consecutiva - C'erano tanti dubbi per la trasferta di Udine, anche perché la sfida con la Lazio è stata estenuante sin dal punto di vista fisico che mentale. Il gol di Zapata dopo 8' ha spazzato via un po' di punti interrogativi, il calo fisico però è stato nettissimo. Questa volta i 5 cambi hanno salvato Gasperini, un tecnico che spesso fatica a mettere le mani sulla squadra. I ritmi infernali e il caldo opprimente ti costringono a rivedere qualsiasi dogma, tranne uno: fare almeno un gol in più degli avversari.

Muriel l'arma in più - "In questo periodo ha sempre dimostrato un'ottima condizione, è entrato con la Lazio sembrava morto. E credeva di aver fatto bene: il giorno dopo gli ho detto di tutto". Ora non sappiamo precisamente le parole precise, ma possiamo immaginarle: detto fatto, Luis Muriel entra in campo e spacca a metà il match. Prima la stupenda punizione del 2-1, poi il diagonale imprendibile dalla distanza: i soliti lampi di classe di un giocatore che continua a stupire e a mostrare, seppur a fasi alterne, la propria qualità. Sfida archiviata, vittoria raggiunta: anche quando non corre l'Atalanta vince e lo fa sempre nella stessa identica maniera, segnando quel gol in più necessario per continuare a sognare.

Sezione: Altre news / Data: Lun 29 giugno 2020 alle 10:45
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print