Una gara dominata, ma nel finale c’è stata un po’ troppa sofferenza. L'Atalanta vince un match difficile contro l'Udinese giocando bene durante l'arco dei 90' ma soffrendo sulle ripartenze dei friulani. La fatica non è mancata - le scorie degli impegni con le nazionali si sono notate nei minuti finali -, ma alla fine i tre punti portati a casa hanno evidenziato la superiorità dimostrata durante tutta la gara del Gewiss Stadium.

Muriel, ancora una volta, ha messo in campo il repertorio a disposizione: dribbling e tiro, inserimenti e giocate di qualità. In campionato sono ben 18 le marcature per il colombiano che ora può superare sé stesso: inutile ribadirlo, il numero 9 ha trovato la sua dimensione in quel di Bergamo. L’unica nota negativa riguarda la concentrazione, ancora una volta i blackout hanno rischiato di rovinare tutto: questa volta la rimonta stile ‘Torino’ non è avvenuta (da 3-0 in favore dei bergamaschi al 3-3 finale), ma visto che l’Atalanta ha meno pressioni e la testa un po’ più libera i cali di concentrazione devono sparire in fretta. Obiettivo Champions acquisito, la testa giocherà un ruolo fondamentale nella volata finale.

Sezione: Altre news / Data: Dom 04 aprile 2021 alle 07:00
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print