Bruttissimo episodio di razzismo in Portogallo, che ha visto protagonista, suo malgrado, l'attaccante del Porto, Moussa Marega. Dopo aver segnato al 60' il gol del decisivo 1-2 nella sfida contro il Vitoria Guimaraes, il giocatore dei Dragoes, già beccato per tutta la partita, è stato bersagliato dai tifosi di casa con insulti e ululati. Marega ha esultato indicando ai tifosi la propria pelle, poi ha risposto ai gesti offensivi che gli stavano rivolgendo dagli spalti. La situazione, in poco tempo, è sfuggita di mano a tutti: l'arbitro ha ammonito il maliano che, non sentendosi tutelato, ha abbandonato il campo nonostante il tentativo dei compagni di squadra e degli avversari di farlo ragionare e mentre Conceiçao urlava a tutti di vergognarsi. La partita è ripresa dopo un'interruzione di circa dieci minuti. Di seguito, i video dell'esultanza dopo il gol e del parapiglia successivo, fino al momento in cui Marega esce dal terreno di gioco di sua spontanea volontà.

Sezione: Altre news / Data: Lun 17 Febbraio 2020 alle 02:00
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print