Ole Gunnar Solskjaer ha dichiarato che contro il Liverpool il suo Manchester United ha toccato il punto più basso, ammettendo implicitamente di avere responsabilità sulla clamorosa umiliazione subita ieri a Old Trafford. La pressione sul tecnico norvegese, ora, sarà davvero enorme e secondo la stampa inglese la sua posizione non è salda come potrebbe sembrare.

Decisive potrebbero essere le prossime sfide, contro Tottenham, Atalanta e Manchester City; per la sua sostituzione si fanno i nomi di Antonio Conte (nel mirino anche del Newcastle), Zinedine Zidane (che però dovrebbe succedere a Didier Deschamps dopo il Mondiale in Qatar) e Ryan Giggs, che già ha allenato i Red Devils in passato.

Ma Solskjaer ha buone possibilità di restare alla guida anche perché, come ha sottolineato Gary Neville, "la società è ancora alle prese con le passività dei contratti di Mourinho e van Gaal, quindi non ha fretta di esonerare soprattutto perché Ole lavora con questo gruppo da due anni. Deve vincere a fine stagione".

Sezione: Calcio Estero / Data: Lun 25 ottobre 2021 alle 13:00
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
vedi letture
Print