Tanti, tantissimi, quattro o cinque squadre. I cedibili dell'Atalanta, ogni anno, vanno rimpinguandosi oltremodo per la crescita dei giocatori della Primavera, spesso girati in Serie C o B per crescere, in pochi ritornano in pianta stabile. Quest'anno sono solo due, Sportiello e Rossi, fra l'altro entrambi portieri con poche possibilità di giocare.

VERSO L'ADDIO - Al netto dei giovani, sicuramente andrà via Arkadiusz Reca, arrivato un anno fa dietro il pagamento di 4 milioni di euro al Wisla Plock, mai entrato nelle gerarchie di Gasperini. Piace alla SPAL - da valutare la formula, magari in prestito con diritto/obbligo di riscatto - dopo l'infortunio di Fares. Valzania dovrebbe trovare una sistemazione in Serie A, dopo sei mesi interessanti al Frosinone: piace a Bologna, Cagliari e Parma, molto più difficile il Brescia. Poi c'è Musa Barrow, bravissimo nell'impatto con la Serie A, decisamente meno a dare continuità alle sue prestazioni. Ci sono stati molti approcci, deve trovare una sistemazione che gli permetta di giocare.

IN FORSE - Anche qui sono tre: Matteo Pessina ha fatto un anno da prima riserva a De Roon e Freuler, ma ora ci sarà un Pasalic che viene impiegato più spesso sulla mediana, oltre a Malinovskyi, forse un po' troppo offensivo per galleggiare. Gli ultimi giorni di mercato saranno decisivi. Identica cosa per Roger Ibanez, arrivato a gennaio e testato nel ritiro dal tecnico: forse deve essere prestato per farsi ulteriormente le ossa nel nostro campionato, prima di potere essere un protagonista. L'arrivo di Skrtel mette sul mercato anche Marco Varnier che, però, pare non abbia recuperato ancora perfettamente dopo il tremendo infortunio al crociato di un anno fa.

Sezione: Calciomercato / Data: Mer 14 Agosto 2019 alle 14:15
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print