Con la scadenza 8 agosto (anche molto prima) per la cessione di Lukaku, si stanno finalmente muovendo i primi passi sostanziali nella telenovela Icardi. Per mesi l’unica cosa che si era mossa erano stati i contatti o le offerte per Mauro, senza che nessuno bussasse dall’Inter. La settimana scorsa vi abbiamo dato conto di come per la prima volta Juventus e Napoli avessero chiesto il prezzo alla società, primo passo ufficiale di una trattativa, ricevendo per risposta due cifre diverse: 80 milioni per la Juve, 70 per il Napoli. E adesso, stiamo per arrivare al culmine.

L’offerta non è ancora arrivata, ma il Napoli farà il primo passo. C’è da ipotizzare una proposta nell’ordine dei 50 milioni sperando di arrivare a 60, anche se con De Laurentiis è meglio non ipotizzare mai niente. Ma il presidentissimo ha assicurato a Wanda Nara che sarà presentata una proposta questa settimana. L’obiettivo è ‘tirare la staccata’ il più tardi possibile, per mettere pressione all’Inter che vuole subito reinvestire su Lukaku.
Ma soprattutto, il Napoli ha prospettato uno scenario allettante a Icardi, dove sarebbe talmente al centro del progetto da aver addirittura assicurato che partirà la chiamata di Ancelotti per Mauro: avverrà immediatamente dopo l’offerta, per ragioni di etichetta, ed è la mossa con cui il Napoli spera di convincere l’argentino, che tutt’ora è ancora convinto di voler rimanere all’Inter, anche se la sua convinzione sta come d’autunno sugli alberi le foglie.

Ancelotti che si muova in prima persona può effettivamente essere un passo decisivo, sicuramente uno sprint sulla Juventus, che parte con 10 milioni di ritardo rispetto al Napoli, ma che per mesi con Paratici ha preparato il campo.

La Juve tira la staccata ancora più in là, e nel frattempo è stata contattata dal PSG per Dybala: nessuna offerta per ora, nessuna prospettiva di scambio con Neymar, ma solo un’informazione sull’apertura a una cessione, e su da che prezzo di partenza inizi la trattativa. La Juventus non ha declinato, ma ha sparato altissimo: circa 110 milioni di valutazione.
Ovvio, il PSG non si avvicinerebbe a quel prezzo, ma l’intenzione è riversare su di lui la cifra cash che verrebbe ricevuta nella cessione di Neymar: quando il Barcellona ha offerto Coutinho e Rakitic, i parigini hanno aggiunto che ci sarebbero voluti 80 milioni in aggiunta, proprio quelli che verrebbe impiegati su Dybala, visto che 80 milioni è la cifra che al massimo Leonardo offrirebbe per Paulo.

A proposito di staccate tirate fino alla fine, il Napoli non frena su James Rodriguez, ma deve stare attento al… Milan: non perché i rossoneri cerchino il colombiano, ma perché con i 40 milioni per Correa l’Atletico potrebbe decidere di dare il passo decisivo su James. E guarda caso, entrambe le operazioni sono orchestrate da Mendes - anche se è bene ricordare che potendo il colombiano sceglierebbe ancora il Napoli per primo.

La scadenza dell’8 agosto mette la fretta addosso a Florentino per prendersi Pogba (anche se le cessioni sono possibili fino al 2 settembre, ma ovviamente lo United dovrebbe essersi già premunito con il rimpiazzo): il nodo sono le contropartite tecniche, perché il Mufc non si schioda dai 150 milioni di € di valutazione, e anche inserendo Bale ci sarebbero ancora altri 100 milioni da aggiungere. Nel frattempo gli inglesi si stanno premunendo, e hanno chiesto il prezzo di Milinkovic-Savic, sentendosi rispondere una cifra vicina ai 100 milioni: si potrà probabilmente erodere una decina di milioni, ma in quella regione di prezzo ci si muove.
Lotito peraltro non perde nemmeno Caicedo per ora, perché l'ecuadoriano ha rifiutato di sostituire Benedetto al Boca Juniors: solo De Rossi dunque dalla Serie A per gli Xeneizes. “Solo”…

Sezione: Calciomercato / Data: Mer 24 Luglio 2019 alle 00:15 / Fonte: di Tancredi Palmeri
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print