La crescita esponenziale ha colpito tutti. Matteo Pessina è diventato uno degli uomini fondamentali per quanto riguarda l'Atalanta e il 3-4-1-2 di Gasperini, ormai marchio di fabbrica del tecnico di Grugliasco. Proprio per questo motivo il Milan ha messo gli occhi sul suo ex pupillo, utilizzato dai rossoneri come pedina di scambio per arrivare ad Andrea Conti. Il centrocampista monzese è stato valorizzato da Ivan Juric, discepolo del Gasp, per poi rientrare alla base e stupire tutti durante l'attuale stagione. Dalle parti di via Aldo Rossi stanno cercando di capire se converrà o meno utilizzare la clausola sulla futura rivendita (i rossoneri guadagneranno il 50% dalla prossima cessione di Pessina), ma a Bergamo sono abbastanza convinti del potenziale del classe '97. Gasperini e tutta la società orobica tra le priorità hanno quella di blindare il 'tuttocampista' del futuro.

PESSINA NON SI MUOVE? - Al momento il giocatore ha una situazione contrattuale abbastanza chiara, con l'accordo in scadenza nel 2024. I rossoneri però potrebbero sfruttare la percentuale sulla futura rivendita che di conseguenza porterebbe a risparmiare la metà dell'attuale cartellino. Al momento la volontà della dirigenza orobica è quella di trattenere a tutti i costi Pessina, vista anche la duttilità dimostrata: può giocare sulla trequarti, ma il calciatore azzurro ha dimostrato di saper stare bene anche in mezzo al campo. 

LA DEA DEL FUTURO - La parola d'ordine dalle parti di Zingonia resta sempre la stessa: programmazione. L'arrivo di Maehle, come ribadito da Gasperini, ha evidenziato i piani dei dirigenti atalantini sul mercato: niente acquisti casuali e dettati dalla mancanza di alternative, ogni profilo verrà valutato singolarmente. Si comprerà soltanto se necessario, stesso discorso per quanto riguarda le cessioni. Pessina, al momento, rientra nella lista dei confermati: difficile separarsi da un giocatore simile in grado di fare la differenza in vari reparti.

Sezione: Copertina / Data: Ven 09 aprile 2021 alle 19:45
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print