Alejandro Gomez è ad oggi rebus senza soluzione. Perché nessuno fa un passo indietro e gli ultimi contatti sono serviti solo per confermare posizioni che, al momento, restano cristallizzate.
Il capitano dell'Atalanta da inizio 2021 oscilla stabilmente tra allenamenti in solitaria alternati con altri con la Primavera. Vuole lasciare l'Atalanta, ma non vorrebbe allontanarsi troppo. Soprattutto, vorrebbe restare in Serie A in una squadra che lotta ancora ad alti livelli ed essere liberato se non gratis, almeno per una cifra molto più bassa rispetto ai 10 milioni di euro al momento pattuiti dalla famiglia Percassi.
Dall'altro lato, la proprietà Atalanta ha confermato che ad oggi il prezzo è quello, che non considera sconti. E soprattutto che non vuole cedere il giocatore a competitor per il quarto posto, quindi niente Inter o Juventus, ma anche Lazio o Roma.

Almeno per ora, non sembrano quindi esserci sbocchi. Un muro contro muro che sembra senza via d'uscita perché nessuno vuole fare un passo indietro né mediare. E se è vero che il mercato è ancora lungo, e che mancano poco meno di tre settimane, è altrettanto vero che da un mese a questa parte la frattura è diventata solo più evidente, incurabile, anche perché è stata la società e non l'allenatore a decidere che ormai non ci sono più margini per un reintegro.
C'è ancora tempo, ma sarebbe davvero un peccato non trovare una soluzione. Parliamo di uno dei giocatori più determinanti della Serie A negli ultimi tre anni.

Sezione: Copertina / Data: Gio 14 gennaio 2021 alle 00:30 / Fonte: TMW
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print