L'Atalanta chiude al settimo posto, prima della sosta natalizia, dopo aver buttato al vento 2 punti preziosi col Bologna al Dall'Ara. Il rimpianto è per una classifica che sarebbe stata ancora più rosea, considerando che il club nerazzurro ha una gara da recuperare con l'Udinese il 20 gennaio 2021. A tal proposito, per un'esamina, abbiamo raccolto il pensiero del nostro Editore di TuttoAtalanta.com, Lorenzo Casalino: "Sembra un paradosso, dopo l'uno-due di Muriel ero convinto che il match di Bologna fosse il preludio ad un'altra goleada, di quelle che tanto la squadra di Gasperini ci ha abituati. Invece, nulla di tutto ciò. Non voglio credere che non bastano due gol di vantaggio per portare a casa una vittoria di quella portata, costruita su basi solide per dominio in tutte le zone del campo e possesso palla, ed è qui che bisogna lavorare, perchè una squadra che sta dimostrando di poter tranquillamente convivere là in alto con le Big del nostro campionato, non può permettersi questi scivoloni, tra annebbiamenti e cali di concentrazione. Col Bologna, un bicchiere mezzo vuoto, forse anche di più". 

LA PAUSA NATALIZIA - "Lo stop forse arriva ad hoc, perchè i ragazzi di Gasperini, dopo il tour de force di Champions e le fatiche accumulate dopo tutti questi impegni ravvicinati, devono recuperare più forze mentali che fisiche. A questo voglio aggiungere anche quel chiacchericcio, dopo la vicenda Gomez-Gasperini, che indirettamente può distrarre. Inevitabile. La pausa, però, arriva puntuale anche per riordinare idee e strategie societarie e tecniche, l'Atalanta ne ha ora bisogno per correre ad alta velocità, perchè lo può fare". 

GOMEZ - "Ammesso e non concesso che la vicenda legata al futuro del Papu rimane un rebus incredibile, così come le speranze di convivenza a Bergamo sembrano ormai remote, è inevitabile come non si possono chiudere gli occhi di fronte all'indubbia efficacia che certe pedine all'interno di una squadra da record, abbiano inciso e avuto nel tempo per l'Atalanta. Col Bologna, il '10' è mancato nella ripresa, quel giocatore in grado con carisma e personalità a dettare i tempi e portare la squadra al successo, ecco il motivo per cui non avrei tolto anzitempo Ilicic. Spezzare il gioco, prendersi dei falli e interrompere qualsiasi prova di ripresa da parte degli avversari, lì si sarebbe consolidato un successo scritto dopo i primi 45 minuti. E' anche vero che la bacchetta magica affinchè questo tipo di lavoro lo possa fare Miranchuk, rientrato dopo 20 giorni di Covid e in ripresa dopo l'infortunio di quest'estate, oppure Malinosvkyi non può avvenire allo schioccare di dita. Il futuro di Gomez? Senz'altro una decisione va presa, nel bene e nel male, perchè la questione ha preso ormai fin troppe prime pagine e ha tolto troppo spazio al lavoro cui la Dea è chiamata a fare. Per il bene dei tifosi, dello spogliatoio e anche del singolo calciatore è giunto ora il momento di prendere una decisione, perchè seppur il cuore dica una cosa è anche vero che all'interno di un'azienda ci sono responsabilità e regole, al di là delle quali non è concesso sgarrare. Col senno di poi, se potessi tornare indietro dal futuro, consapevole che non per forza di cosa avrebbe cambiato gli esisti della sua sorte, consiglieri al Papu di non scrivere quel post su Instagram, a due ore dai sorteggi di Champions e in quel modo, perchè lì a Zingonia la terra è tremata e qualcosa ha preso una piega che nessuno avrebbe mai ipotizzato". 

MERCATO, ATTO I - CORSIE GIREVOLI - "Arriva Mahele dal Genk, con qualche mese di ritardo e concediamo al Ds Sartori, impeccabile nella sua gestione, l'ottimismo avuto per Piccini, che non è quello che ci si aspettava. Lo stesso discorso, per grande scala buonanime, va fatto per Mojica che non è d'Atalanta. La mia non è una congiura contro l'esterno colombiano, ma per scrupolo ho osservato il suo piccolo contributo anche contro il Bologna. Insomma, fatico a ricordare due passaggi giusti, ha richiesto a se stesso degli affondi con cross al centro dell'area di rigore, che mi son sembrati più dovuti a strafare, che necessari all'Atalanta a capovolgere il 2-2. Non mi dilungo, Mojica rientrerà dal prestito, anche se l'Atalanta ha l'obbligo di trovare un esterno di sinistra e son certo che le risorse per trovare l'alternativa a Gosens ci sono, perchè anche il tedesco ha bisogno di rifiatare e ieri è apparso molto stanco e poco lucido anche fase di finalizzazione. Non dimentico assolutamente Ruggeri, ma non desidero nemmeno bruciare il giovane talento di Zingonia e dare lui il giusto minutaggio nella crescita per dire la sua, perchè il salto Primavera-Serie A non è proprio un gioco da ragazzi. Depaoli? Parlo di restyling alle fasce, anche per lui ritengo che si debba fare un ragionamento e restituire al mittente (Sampdoria) il piacere dell'ultim'ora del mercato estivo". 

MERCATO, ATTO II -  "Siamo in tanti. Non abbiamo fatto le valutazioni giuste di quelli che abbiamo: sono per le rose corte, quest’anno è stato un grosso problema”. "Le parole di Gasperini sono eloquenti - conclude Casalino -, ci saranno delle uscite e in questo tipo di discorso vedo anche quella di Boško Šutalo (20), che per la sua giovane età ha bisogno e il dovere di giocare e collezionare minuti, non solo con la nazionale di categoria. Lo stesso discorso, con una sottolineatura maggiore, la voglio fare per l'olandese Sam Lammers (23), tecnicamente di grande spessore e che è un peccato vedere nella scomoda figura che ricopriva lo scorso anno Barrow. Lammers ha bisogno di familiarizzare con la nostra Serie A, in tal senso vedo per lui benissimo un prestito secco in una squadra del nostro campionato che si giocherà la salvezza, cosicchè lui possa essere titolare e determinante, perchè ha bisogno di prendere fiducia dei suoi mezzi e tornare a Zingonia il prossimo anno con l'autostima per diventare un giocatore importante per l'Atalanta del futuro". 

MERCATO, ATTO III - "Mercato in entrata? Se si potesse trovare una valida alternativa a de Roon sarebbe quel tassello mancante cercato nell'estate scorsa e mai arrivato. Per il resto l'Atalanta credo abbia l'organico, con le giuste uscite, per affrontare al meglio le tre competizioni". 

Sezione: Esclusive TA / Data: Ven 25 dicembre 2020 alle 00:00
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print