Vinicius Junior ha rilasciato una lunghissima intervista a TNT Sports Brasil, in cui ha escluso categoricamente la possibilità di lasciare il Real Madrid per giocare in prestito: "Sono sempre concentrato sul Real Madrid. Qui gioco con i migliori calciatori e imparo tanto da loro. Ho 20 anni e sembra che sia qui da molto tempo, ma è solo l'inizio della mia carriera. Sto crescendo, nella mia posizione e in altri ruoli. Voglio rimanere per sempre al Real Madrid, continuare a fare la storia di questo club e aiutare la squadra con gol e assist".

Come ti senti oggi?
"Bene. Sono contento delle mie ultime prestazioni. Stiamo ritrovando fiducia, vinciamo e ci avviciniamo all'obiettivo principale, cioè vincere titoli".

Questa stagione è per te una delle più difficili da quando sei a Madrid?
"È sempre molto complicato giocare senza tifosi ed è un po' difficile abituarsi. La scorsa stagione siamo riusciti a vincere molte partite grazie alla nostra fisicità e alla nostra tecnica. Questa stagione è un po' complicata, la pressione è diversa soprattutto per chi ci affronta in casa nostra. Ma sappiamo che ci sono alti e bassi e dobbiamo essere preparati, mentalmente forti. Il Real mette molta pressione su tutti i giocatori e dobbiamo essere calmi e concentrati per perseguire i nostri obiettivi".

È vero che Vinicius non rischia più la giocata?
"No, forse sto diventando più maturo e sto scegliendo le giocate giuste da fare per aiutare la squadra in un altro modo".

Senti al 100% la fiducia dell'allenatore?
"Sì. Ho fiducia al 100% nel Real Madrid, in Zidane, in tutti i giocatori che sono qui, nel presidente, che mi trasmette grande forza del mondo e mi dice che è il mio più grande tifoso, dopo la mia famiglia. Sono felice e contento di questo e voglio continuare ad aiutare il Real Madrid".

È la tua terza stagione a Madrid. È un peso maggiore affrontare la pressione ora che stai maturando?
"È sempre una grande responsabilità giocare per il Real Madrid, la più grande squadra del mondo. Ma tutte le persone del club e la mia famiglia, tutti quelli intorno a me, mi danno la massima tranquillità possibile, così mi preoccupo solo di giocare. Ho responsabilità dentro e fuori dal campo, ma in campo cerco di divertirmi. Sono vicino a raggiungere le 100 partite con il Real Madrid, a 20 anni è un traguardo raggiunto solo da 3 calciatori. Sono felice e concentrato, ascolto i suggerimenti. Voglio raggiungere 200, 300 e più partite con il Madrid".

Com'è il tuo rapporto con Hazard?
"Ci sarà sempre concorrenza. Tutti vogliono giocare e non essere lasciati fuori. Lui parla sempre con me. Fuori dal campo è una bravissima persona, sempre felice. E io sono felice di aver realizzato un sogno, quello di giocare con Hazard. È un grande giocatore, lo vedevo in tv e so bene quello che è capace di fare. Poter lottare per il posto con uno come lui rende felice anche me".

Ti dà consigli per dribblare come lui?
"Sì. Mi dice di stare calmo e di non smettere mai di correre rischi".

Ronaldo ha detto che non ti manca nulla nel modo di giocare. È bello avere il supporto di un idolo come Ronaldo? Ti dà più fiducia?
"Decisamente. Ogni giocatore che mi difende o mi dà consigli mi rende felice. Ronaldo è uno dei più grandi giocatori della storia del club e del Brasile, sono onorato che mi segua e mi dia consigli. Voglio restare qui e seguire le sue orme. Giocherò a Madrid per molto tempo".

Come è il tuo rapporto con Benzema? Cosa successe a Mönchengladbach?
"Non è cambiato nulla. Benzema mi ha sempre difeso e ha fatto di tutto per aiutarmi quando nessuno mi conosceva, ma anche dopo mi è stato vicino Da fuori non si sa cosa succede, ogni cosa che riguarda il Real ha un grande impatto".

Adesso arriva la Champions. Cosa pensi dell'Atalanta?
"Ci arriviamo con fiducia, siamo il Real Madrid e tutti i giocatori sanno come si gioca in questa competizione, tutti ne conoscono l'importanza e devono essere preparati, concentrati per affrontare un'altra grande squadra come l'Atalanta, che gioca un buon calcio".

"Siete costretti a qualificarvi?
"Sì. Sentiamo l'obbligo di giocare bene e fare tutto ciò che ci viene chiesto. Dobbiamo restare calmi e fare di tutto per portare il Real dove merita".

La Champions League è un grande obiettivo?
"Sì. Ho conquistato tre titoli con il Real Madrid e ne voglio di più, e la Champions League è uno dei miei grandi obiettivi".

Sezione: L'avversario / Data: Lun 22 febbraio 2021 alle 22:30
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print