Manca solo il calcio giocato. A Zingonia l'Atalanta corre e suda già da diverse settimane, in attesa del via libera. Anzi, dell'eventuale ripresa del campionato. Le decisioni sembrano andare tutte nella stessa direzione, manca però l'ufficialità. I nodi, d'altronde, si stanno attorcigliando tutti in unico punto: manca la certezza e quasi sicuramente non arriverà prima di giovedì 28 maggio, data fondamentale per capire l'immediato futuro del massimo campionato. Non ci sono scuse però per una squadra che intanto fatica, si allena e gioca. Sabato la partitella in famiglia (5-5 il risultato finale) sotto gli occhi del presidente Percassi, ieri un giorno di riposo per far tirare il fiato a tutti. Oggi nuova convocazione per l'allenamento di gruppo: anche sulle attività collettive la Dea ha giocato d'anticipo.

SORRISI E PALLONE - Il primo tassello di un puzzle cervellotico è stato messo al proprio posto. Il pallone, finalmente, è tornato a rotolare nel verso giusto. Mancano le date, è vero, ma Gasperini ha voluto subito ricompattare il gruppo. Ci si allena tutti insieme da quando è arrivato il via libera, proprio per dare un segnale forte: lo stop e l'emergenza hanno cambiato molto, ma non tutto. Lo spirito rimane lo stesso, la voglia di scherzare durante la partitella anche. Le prime temperature da bella stagione non hanno condizionato il lavoro: in attesa delle indicazioni i nerazzurri fanno viaggiare il pallone, almeno sul terreno del centro Bortolotti di Zingonia.

CALENDARIO FULL - Sul tavolo, poi, ci sono tutte le ipotesi plausibili. La certezza di tornare in campo non c'è, ma la squadra deve essere pronta ad affrontare qualsiasi tipo di calendario. Le modalità restano un'incognita, quel che è certo è che si giocherà ogni tre giorni per poter finire la stagione in tempo. Senza dimenticare la Champions League: l'Atalanta vuole assolutamente disputare i quarti di finale e affrontarli con il solito mood. Cambiano protocolli, modalità di allenamento e previsioni, ma il leitmotiv orobico rimane sempre lo stesso: giocare e far divertire tutti con il calcio giocato. Quello vero, con la competizione e l'adrenalina a mille, perché la Dea ancora non ha smesso di stupire.

Sezione: Zingonia / Data: Lun 25 maggio 2020 alle 08:30 / Fonte: Patrick Iannarelli
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print