Teun Koopmeiners - A Bergamo i mancini vanno forte, gli olandesi altrettanto. Tutti ottimi motivi per i quali il mediano classe ’98, che agli Europei giocherà in squadra con De Roon e sfiderà l’Ucraina di Malinovskyi, è finito nel mirino dell’Atalanta. Ma facciamo un passo indietro: nato e cresciuto calcisticamente nell’AZ, di cui è anche titolare, gioca titolare nel massimo campionato olandese da quando ha 19 anni. Mancino naturale, ha buon fisico (183 centimetri), gioca a centrocampo e sempre il prototipo del calciatore perfetto per Gasperini. Non fosse altro che alla fase difensiva, complice la grande abilità su punizioni, abbina una prolificità straordinaria. Per capirsi, ha concluso l’ultima edizione dell’Eredivisie con 15 gol in 31 giornate. Non proprio un caso, visto che nella stagione precedente aveva chiuso a 11 reti in 25 gare (16 su 42 a livello complessivo). Se troverà spazio nelle scelte di Frank de Boer (finora una sola presenza in nazionale, in amichevole), si candida a essere una delle rivelazioni di Euro2020, ma soprattutto è pronto per spiccare il volo. Verso l’Italia: nel nostro campionato l’hanno seguito quasi tutte le big, dalle milanesi al Napoli. In tempi recenti, soprattutto Roma e Atalanta: complice la possibilità di giocare la Champions, la Dea è in netto vantaggio. Resta da limare qualcosa col club olandese: l’AZ chiede 20 milioni, i Percassi vorrebbero chiudere attorno ai 18. Dettagli.

Sezione: Calciomercato / Data: Gio 10 giugno 2021 alle 12:49
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print