L'infezione da Covid-19 potrebbe lasciare problematiche a lungo termine legate alla funzionalità respiratoria e, in certi casi, comprometterla anche in modo irreversibile, soprattutto nei pazienti che sono stati in terapia intensiva. Dopo aver sconfitto il nuovo coronavirus, infatti, i polmoni sarebbero a rischio per almeno 6 mesi ed il 30% dei guariti potrebbe avere problemi respiratori cronici. E' l’allarme lanciato dagli esperti ed emerso dal convegno digitale della Società Italiana di Pneumologia, durante il quale sono stati messi a confronto i primi dati raccolti nel nostro Paese con quelli dei medici cinesi riguardanti pazienti colpiti da Sars nel 2003. Dai lavori è stato possibile valutare che l'infezione polmonare da coronavirus potrebbe lasciare una sorta di eredità cronica sulla capacità respiratoria: la stima è quella secondo cui, in media, in un adulto possano servire da 6 a 12 mesi per il recupero funzionale, che per alcuni però potrebbe non essere completo.

Sezione: Brevi / Data: Mer 27 maggio 2020 alle 11:00
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print