Poteva essere la serata del ritorno in Champions, invece contro il Cagliari è stata l’ennesima brutta prestazione casalinga del Milan. La squadra di Stefano Pioli in casa si trasforma e non vince quasi mai, addirittura nel girone di ritorno ha ottenuto solamente tre vittorie a San Siro. E contro un Cagliari già in festa per la salvezza anticipata dopo il pareggio del Benevento, i rossoneri non hanno saputo andare oltre lo 0-0 sprecando una grossa occasione per la Champions. Serata amarissima, quasi drammatica, perché tutta la stagione del Milan ora è appesa ad un filo.

L’unico modo che ha il Milan di tornare nell’Europa dei big è vincere a Bergamo contro l’Atalanta, e servirebbe un miracolo considerando l’andamento della squadra di Gasperini. “Per tutto il campionato che abbiamo fatto non arrivare tra le prime quattro sarebbe sicuramente una delusione ma non un fallimento, quest’anno abbiamo gettato le basi per un futuro da Milan vincente”, ha spiegato Stefano Pioli al termine della partita con il Cagliari. Ma contro le squadre che si difendono il Milan ha sempre problemi a segnare: “Quando troviamo squadre cosi chiuse andiamo in difficoltà. Servivano giocate dei singoli o palle inattive, non è stata la serata migliore. Siamo sicuramente delusi e amareggiati, ma vogliamo rialzarci".

Il Milan è a quota 76 punti in classifica e rischia fortemente di rimane fuori dalla Champions League dopo un’annata in cui ha sempre lottato per le prime posizioni. Sarebbe una beffa clamorosa, e per questo l’allenatore in settimana chiederà alla squadra di gettare il cuore oltre l’ostacolo e di sfoderare la partita perfetta contro un’Atalanta che resta il grande tabù di Pioli: “L’Atalanta è l’unico avversario di alto livello che non siamo riusciti a battere in questo mio anno e mezzo, è molto forte. Ci prepareremo per riuscirci”.

Sezione: Altre news / Data: Lun 17 maggio 2021 alle 12:00
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print