Poteva andare molto peggio, anche perché dalle prime indiscrezioni uscite dal Filadelfia nel week-end si parlava di crociato. Per Daniele Baselli, invece, si tratta di una distorsione al ginocchio con interessamento dei legamenti: certo, non proprio un infortunio leggero, ma non sarà uno stop di sei mesi. Forse di uno abbondante, si cercherà di farlo rientrare per il finale di stagione a luglio inoltrato, ma per avere maggiori certezze bisognerà aspettare la fine della settimana: tra giovedì e venerdì, infatti, il centrocampista si sottoporrà ad ulteriori accertamenti dai quali si potrà poi programmare una tabella riabilitativa più completa e precisa. Intanto, però, Baselli è senza stampelle, ha iniziato le terapie e incrocia le dita in vista di nuovi esami. E anche arrivassero buone notizie, comunque il suo rientro sarebbe ricco di incognite, tra la condizione fisica, il caldo di un calcio estivo, il ritmo partita da ritrovare visto che non gioca più di due gare di fila dallo scorso dicembre. E per Moreno Longo, intanto, i problemi sono cominciati prima ancora della ripresa ufficiale del campionato.

Sembra paradossale parlare di emergenza quando manca soltanto una pedina nel reparto, eppure per il centrocampo granata è proprio così: una falla nella rosa da inizio anno, quando Mazzarri cominciò la stagione con appena quattro mediani di ruolo. E se uno si fa male e Rincon è spesso e volentieri diffidato, ecco che vengono fuori tutti i limiti. Ora bisogna anche considerare che Lukic sta seguendo una tabella personalizzata, anche se già in questa settimana si aggregherà nuovamente al resto dei compagni, ma pure il serbo deve ancora cominciare ad ingranare. E tra tre settimane si comincerà a giocare ogni tre giorni, altro aspetto da non sottovalutare. Longo, così, ha già iniziato a guardare con attenzione alla Primavera.

Ci aveva provato con Onisa, tra i prodotti più interessanti della rosa di Marco Sesia, ma il rumeno si è fatto male al ginocchio ed è già rientrato ai box. Così, da qualche giorno Longo ha promosso Freddi Greco: è arrivato dalla Roma l’estate scorsa, parziale contropartita dello “sgarbo” Petrachi, e in Primavera ha segnato un unico gol, nel derby contro la Juventus, oltre ad aver collezionato 19 gettoni su 20 partite complessive. Si è messo a disposizione della prima squadra e si sta allenando al Filadelfia, con la prospettiva di esordire già nel finale di stagione. Un po’ quello che spera Adopo, aggregato tra i grandi da qualche mese e del quale il ds Vagnati ne dice un gran bene.

Sezione: Altre news / Data: Mar 02 giugno 2020 alle 13:00
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print