Gian Piero Gasperini, tecnico dell'Atalanta,è intervenuto all'interno della sala stampa del centro sportivo 'Bortolotti' per analizzare il match di domani sera in casa del Torino.

Come si riparte dopo lo stop con la SPAL?
"Non è un inciampo, nell'arco del campionato capita. Dopo la partita con l'Inter c'è stato un po' di calo, più nervoso che fisico. Con la SPAL ha pesato molto, anche per come si era messa la partita. Non siamo stati capaci di vincere una gara che si era messa bene, ora bisogna ripartire. Tutte sono dentro ai propri obiettivi, sono coinvolte diverse squadre nel giro di pochissimi punti. Il girone di ritorno sarà una battaglia. Il campionato entra in una fase equilibrata, credo che la cosa migliore sia concentrarsi su ogni gara e non guardare gli obiettivi".

Il calo nervoso la sorprende?
"Anche la partita d'andata con il Torino è stata simile, ogni tanto questa situazione c'è stata, si possono fare tante considerazioni. Con la SPAL abbiamo avuto qualche problema sugli esterni, ma dobbiamo pensare a domani. Il Torino è una squadra forte, è costruita per l'Europa. Sarà uno scontro di livello, dobbiamo concentrarci su questa gara".

Come stanno Gomez e Castagne?
"Gomez sta bene e ha recuperato, Castagne ancora non si è allenato. È una gran perdita, ha subito l'intervento ad agosto e si è trascinato qualche acciacco, anche se poi ha giocato tante partite. Speriamo che possa rientrare al più presto".

Czyborra è convocabile?
"Non sarà convocato, ha una piccola contrattura da smaltire. Vogliamo conoscerlo un pochino, è arrivato con molto entusiasmo ma oggi e domani si allenerà da solo. Speriamo di averlo a disposizione lunedì".

Zapata?
"Fisicamente è recuperato, con la SPAL è entrato anche nell'azione del gol. Ha giocato una buonissima partita, ha fatto sicuramente bene".

Il suo giudizio sul mercato?
"In questo momento è arrivato Caldara. Vedremo Czyborra. Sono andati via Barrow, Ibanez e probabilmente Arana. Forse andrà via anche Masiello, vedremo oggi se la trattativa andrà a buon fine. La squadra è rimasta quella a parte l'arrivo di Caldara. I giocatori importanti non sono sul mercato, adesso la società sceglierà come sostituire i partenti, lo sta facendo con acquisti di prospettiva. Questo può essere il target, speriamo che da questi ragazzi possa uscire qualche pezzo importante che possa rientrare del gruppo".

Il Torino è una squadra che fa giocare male.
"La partita d'andata è stata giocata bene, hanno fatto una buona gara ma metterei una firma a ripetere la partita dell'andata. Ha dei giocatori bravi, sanno cosa devono fare. Non sta vivendo una stagione che rispecchia le loro aspettative, ma andremo a giocare una partita importante. A noi serve ritrovare l'energia e la concentrazione finalizzato al risultato, non possiamo cadere in presunzioni".

Per Caldara vale lo stesso percorso di Zapata?
"È stato fermo da tanto, ha fatto una buona gara a Firenze. È un giocatore importante come lo sono i giocatori già inseriti, il meglio della condizione lo raggiungerà tra qualche settimana. La squadra ha sempre reagito, ha sempre questa capacità. Ci capita di prendere qualche scoppola, come succede a tutti, ma dobbiamo reagire".

Sezione: Zingonia / Data: Ven 24 Gennaio 2020 alle 16:30
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print