Destinazioni (im)possibili, voci e tanto altro ancora. Il gennaio nero del Papu Gomez sta scivolando via senza una soluzione: a dieci giorni dal termine del mercato nessuno si è ancora fatto avanti in maniera concreta. Non mancano le pretendenti - il valore tecnico del calciatore non si discute -, ma le richieste da parte della società orobica hanno frenato gli entusiasmi. Nessuna cessione gratuita, ma soprattutto niente favori alle dirette concorrenti per la corsa Champions. Inoltre rimane il problema dell'estero, visto che l'argentino non vuole lasciare la serie A. Si procede a fari spenti, col rischio di complicare la ancor di più la situazione.

TUTTA COLPA DEL PAPU? - Le responsabilità, se così vogliamo chiamarle, andrebbero divise. La società ha posto determinati veti alla cessione del giocatore, anche se lo scoglio maggiore resta quello economico: col Papu che si avvia verso i 33 anni non è semplice chiedere 10 milioni di euro per sedersi al tavolo delle trattative. Le richieste del centrocampista argentino hanno contribuito a complicare la vicenda: niente cessioni fuori dall'Italia, almeno per il momento. È necessario mantenere una continuità in grado di garantire la chiamata in nazionale e per farlo bisogna rimanere in Europa, possibilmente in Champions League.

ALTO MARE - Nelle ultime ore il Cincinnati - squadra della MLS allenata da Jaap Stam - ha aumentato il pressing. L'offerta di 7 milioni più bonus potrebbe convincere un po' tutti, ma manca la volontà da parte del calciatore. In Italia non mancano i club che vorrebbero Gomez in squadra, anche se il mercato di gennaio non sembra essere il momento adatto per poter convincere la dirigenza orobica a cedere definitivamente il dieci nerazzurro. Il tempo stringe, la fine del mercato si avvicina. Tra responsabilità e colpe l'unico punto fermo riguarda una storia d'amore giunta al capolinea. Del doman, invece, non v'è certezza.

Sezione: Calciomercato / Data: Ven 22 gennaio 2021 alle 09:00 / Fonte: TMW
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print