"Bergamo, ti stringo forte. Ma sei tosta e ne uscirai". Attraverso le pagine de 'L'Eco di Bergamo'  l'ex ct della Nazionale e allenatore dell'Atalanta (1992-'93) Marcello Lippi, ha voluto mandare il suo messaggio di grande vicinanza alla città di Bergamo. "Seguo con apprensione quello che sta succedendo - confida -, l'immagine coi mezzi militari è stata senz'altro molto forte e fa male vederla. Sono molto legato alla città, non solo perchè fu il mio trampolino di lancio nella carriera di allenatore, ma anche perchè ho potuto apprezzare e conoscere il popolo bergamasco molto generoso. Sono certo che con la loro forza e determinazione si rialzerà" 

LA SUA EX ATALANTA - "Rimpianti? Nessuno, fu annata fantastica - racconta Lippi riferendosi alla Uefa mancata per un soffio -. Battemmo la Juve, due volte la Fiorentina, sfiorammo l'Europa. Percassi, che conosco bene, era il presidente di quell'annata". 

L'ATALANTA DI GASPERINI - "E' una delle cose più belle accadute per il calcio italiano negli ultimi anni. Vedere giocare quest'Atalanta è un vero piacere. Ha pagato inizialmente lo scotto dell'inesperienza in Champions, poi è uscita con grande valore alla distanza, perchè propone un calcio internazionale. Ha valori tecnici importanti e di livello. Chi mi sarebbe piaciuto allenare di questa squadra? Non si fanno nomi, il gruppo di questa squadra fa la differenza, anche se Ilicic è esploso in maniera 'fragorosa'.. ".

Sezione: Altre news / Data: Mar 07 aprile 2020 alle 11:30
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print