Aveva bisogno di continuità, fiducia e minutaggio. Ruslan Malinovskyi ha preso per mano l'Atalanta di Gasperini e il tecnico, che non bada nulla al caso, ha dato lui responsabilità e fiducia. In pochi, addetti ai lavori compresi, avrebbero dato dei crediti al trequartista ucraino per una maglia da titolare contro l'Udinese, non perchè non la meritasse dopo la prestazione da leader al Bentegodi contro il Verona, ma perchè mister Andrij Ševčenko, ct dell'Ucraina, l'aveva ben spremuto facendolo giocare sempre in tutte e tre le gare per le qualificazioni ai Mondiali in Qatar2022 in meno di una settimana. 

LA RISPOSTA DI RUSLAN - Due assist e vogliamo attribuire lui, oltre ad una forma fisica perfezionata, un dettaglio che va visto con lo 'zoom'. Con il nuovo modulo 4-2-3-1, Malinovskyi riesce ad esser più incisivo e meno 'placcato' in fase di regia dagli avversari. Il risultato? La sua visione di gioco permette lui di poter liberare fantasia e trovarsi più volte davanti alla porta per calciare. Bravo lui, bravo Gasperini... 

Sezione: Zingonia / Data: Mar 06 aprile 2021 alle 00:00 / Fonte: Lorenzo Casalino
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print