Non arriva la sesta vittoria consecutiva in campionato ed il Napoli archivia anche le residue speranze di rimonta Champions. La squadra di Gattuso esce sconfitta dalla trasferta di Bergamo, ma non ridimensionata, pagando probabilmente un inizio di ripresa troppo blando, venendo messa sotto da dieci minuti di puro furore agonistico dei nerazzurri che approfittano di un errore in uscita di Fabian per attivare la catena di destra e finalizzare la prima palla gol creata. Il secondo gol, nato da un tiro svirgolato che si trasforma in un assist preciso sul lato debole, è la mazzata definitiva ad un Napoli che fino a quel momento si era lasciato anche preferire.

"Fino al momento del gol non ricordo un tiro dell'Atalanta", le parole di Gattuso nel post-partita, elogiando la prova della sua squadra su un campo difficile per tutti in questo momento, ed in effetti per 45' gli azzurri sembrano tenere il campo meglio, subendo solo qualche tentativo dalla distanza, e palleggiando bene dal basso risalendo il campo sfuggendo alle marcature a uomo di Gasperini ed aprendosi spesso il campo. Ed a Gattuso, che rivela che non avrebbe creduto alla Champions anche con una vittoria ed il -9 visto lo stato di forma dei nerazzurri, interessa la prova della squadra, lavorare sui difetti sui gol e la mancata reazione al doppio colpo incassato: "La squadra mi è piaciuta, avevamo la gara in mano, ma dopo il gol ho visto troppi lamenti. Noi dobbiamo alzare l'asticella, dobbiamo crescere, abbiamo 9 gare e nessuno deve pensare che andiamo a fare scampagnate, abbiamo il dovere di arrivare bene a Barcellona. Dobbiamo crescere in vista del prossimo anno perchè l'anno prossimo all'80% la squadra sarà questa".

Si riparte domenica, contro la Roma sconfitta in casa e rimasta a -3, con la chance di agganciare il quinto posto che avrebbe comunque valore simbolico per un Napoli in questa stagione a lungo nella parte destra della classifica.

Sezione: Altre news / Data: Ven 03 luglio 2020 alle 10:00
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print