"Ha ribaltato il modo di concepire il calcio". Questo il titolo dell'analisi con cui Mario Sconcerti, prima firma del Corriere della Sera, commenta lo strepitoso successo dell'Atalanta in Champions League contro il Valencia: "L’Atalanta non ha ribaltato solo il Valencia, ma l’intero modo di concepire il calcio. L’ultima certezza è spendere molto per comprare i giovani migliori. Quella che sta entrando nei quarti di Champions è una squadra matura, quasi anziana. I suoi giocatori più giovani sono Gollini e Pasalic che hanno 25 anni, i suoi migliori sono Gomez ed Ilicic che ne hanno 32. Gasperini e Percassi hanno rovesciato la regola: l’esperienza, la bravura, contano più dell’età. Per l’Atalanta i giovani esistono ma sono attori di bilancio. Si prendono, si battezzano e si rivendono al volo facendosi pagare il marchio. A gennaio l’Atalanta ha finanziato il futuro dei «vecchi» vendendo Barrow e Kulusevski. È esattamente l’opposto delle strategie di tutti. Ed è alla fine quello che fa dell’Atalanta un esempio unico, invidiato da tutti, ma lontano, intoccabile".

Db Milano 19/02/2020 - Champions League / Atalanta-Valencia / foto Daniele Buffa/Image Sport
nella foto: formazione Atalanta
Db Milano 19/02/2020 - Champions League / Atalanta-Valencia / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: formazione Atalanta © foto di Daniele Buffa/Image Sport
Sezione: Altre news / Data: Gio 20 Febbraio 2020 alle 21:00
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print