Il +6 sul Milan inizia a delineare un quadro della situazione che regala a Conte un gap "importante, ma non ancora rassicurante". Se c'è un numero che impressiona quel numero non è il +6 dai cugini, a lasciare esterrefatti è piuttosto la velocità con la quale la squadra nerazzurra sta correndo da fine novembre in poi. "Ritmo da paura" sottoscrive il Corriere dello Sport che sottolinea quanto ottenuto dall'Inter dal 4-2 contro il Torino dello scorso 22 novembre: 15 vittorie, 2 pareggi e 1 sola sconfitta sulle 18 partite disputate in Serie A, ottenendo una media punti di 2,61 a partita."Da settembre a fine novembre, invece, i punti erano stati 12 in 7 turni ovvero una media di 1,71 a match".

Meglio dell'Inter "negli ultimi 100 giorni solo il Manchester City" che ha guadagnato 3 punti in più rispetto ai nerazzurri, 50 quelli ottenuti dall'armata di Pep, 47 quelli di Conte. Eppure "paragonare il gioco espresso dalla capolista della Premier con quello della capolista della Serie A non è però possibile per vari motivi - spiega il quotidiano romano -: dai milioni investiti in giocatori, decisamente di più rispetto a quelli che può contare l'Inter, e di conseguenza la qualità più alta, al tempo finora trascorso da Pep sulla panchina del City, un percorso più lungo rispetto a quello iniziato da Conte un anno e mezzo fa"

Sezione: L'avversario / Data: Sab 06 marzo 2021 alle 13:30 / Fonte: fcinternews.it
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print