Il ct della nazionale Roberto Mancini è intervenuto ai microfoni della Rai dopo la vittoria contro la Lituania: "Abbiamo giocato tre partite in sette giorni. Sapevamo le difficoltà, il campo era difficile e non era nemmeno bagnato. Abbiamo avuto tante occasioni per far gol, ma l’importante era vincere. Oggi era così, se avessimo segnato avremmo sofferto un po’ meno”.

Non avete preso gol nemmeno oggi.
“Il bicchiere è mezzo pieno, la Svizzera tre giorni fa ha vinto 1-0 in casa. Le gare sono tutte difficili, dobbiamo valutare le condizioni e la brillantezza che non c’è. Ricordo una partita della nazionale di Sacchi qui vinta 1-0 a fatica. Se non le sblocchi loro stanno lì, ma lo hanno fatto anche dopo il gol del vantaggio. Ma abbiamo avuto tante occasioni".

C’era maggiore preoccupazione?
"Abbiamo rischiato, non eravamo messi bene sul campo. Cercavamo di far gol, quindi eravamo messi un po’ male. Abbiamo commesso qualche errore di troppo, il rimbalzo era irregolare. Un po’ di preoccupazione in più c’era".

Come giudica la prova di Immobile?
“Penso che vadano valutate tante cose. Ciro ha fatto il massimo, bisogna valutare la condizione fisica dei giocatori, a volte i giocatori sono un po’ appannati. Poi arriveranno i gol con più continuità".

Cosa vi portate dietro da queste tre gare?
“Tre partite in una settimana sono dure, ci sono una serie di situazioni come i viaggi. Dobbiamo valutare tante cose quando avremo di nuovo tre partite. Le gare sono tutte difficili e vanno giocate al 100% anche quando non stiamo bene".

La UEFA prenderà in esame la proposta delle rose a 25?
"Penso che possa essere una valutazione giusta proprio per via della situazione attuale. Se durante l’Europeo dovesse accadere qualcosa a qualche giocatore sarà difficile, potrebbe essere anche giusta come valutazione".

È contento per aver raggiunto Lippi con 25 gare utili?
"Io sarei contento di raggiungerlo a dicembre 2022. Adesso posso essere felice, ma è una cosa fine a sé".

Sezione: Italia / Data: Mer 31 marzo 2021 alle 23:45
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print