È Aleksey Miranchuk​ il Player of the month di Gennaio. Il centrocampista russo è stato votato dai tifosi attraverso i social ufficiali della Società. Ecco quanto evidenziato da TuttoAtalanta.com nella speciale intervista rilasciata dal trequartista ai microfoni ufficiali del club.

Aleksey ti aspettavi di essere premiato dai tifosi come giocatore di Gennaio?
"A dir la verità, non me l'aspettavo, ma sono molto contento di aver ricevuto questo premio. Ci tengo a far bene ed esser apprezzato dai tifosi, questo mi fa sentire più sicuro in me stesso. Sono contento dell'affetto e della stima dei fan in generale, di tutti coloro che mi sostengono in Russia, in Italia insomma dappertutto. Per questo sono molto grato a tutti coloro che mi hanno votato. Spero, anzi sono sicuro, di continuare a migliorarmi per occasioni del genere e ad essere d’aiuto per la squadra e per contribuire a nuove vittorie che sicuramente arriveranno".

In tanti ti seguono dalla Russia, ma ora sei tra i preferiti anche dei tifosi nerazzurri. 
"Sono contento dell'accoglienza avuta e di essere trattato così bene. Per questo, per il loro affetto nei miei confronti, farò il mio meglio per non deluderli".

Quali sono le differenze tra il calcio italiano e quello russo.
"È una bella domanda - sorride -. Se ne può parlare a lungo. Direi che c’è una grande differenza. Per questo ho fatto la scelta di trasferirmi qua, perché sono sicuro di aver raggiunto un nuovo livello qua. In parole semplici, l’intensità è più alta, gli scontri sono più aggressivi. Ho scelto questo campionato perché voglio migliorare me stesso".

Sei in Italia da qualche mese, cosa ti piace di più di Bergamo?
"Città Alta, è molto bella. Diciamo comunque che mi piace Bergamo in generale. Inoltre tutti iniziano pian piano a riconoscermi, nei bar e questo mi fa molto piacere. Tutti sono molto gentili, mi salutano col sorriso e dicono sempre “Forza Atalanta”. Sono felice che qui ci siano persone così belle".

© Riproduzione riservata 

Sezione: Zingonia / Data: Mar 02 marzo 2021 alle 13:00
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print