Un gol di Muriel corona l'impresa a cinque dalla fine. L'Atalanta va agli ottavi, Ajax con una sola grande occasione

LE FORMAZIONI - La risposta più attesa è la presenza di Alejandro Gomez nell'undici titolare, con un'unica sorpresa: come a Liverpool c'è Pessina a centrocampo, per rinfoltire la linea, mentre Ilicic resta in panchina dal primo minuto. Invece Ten Hag preferisce il giovanissimo Brobbey, classe 2002, rispetto a Huntelaar. Non ce la fanno né Neres né Traoré.

QUASI DIETRO - I nerazzurri non partono a spron battuto, preferendo invece mettere densità nella metà campo per poi ripartire con più costrutto. Così il primo tiro verso la porta di Gollini è di Labyad, ma viene deviato in calcio d'angolo. Brobbey gioca da centro boa, come Zapata a novanta metri di distanza. Il colombiano, al ventesimo, ricevuto palla da Gomez preferisce appoggiare di sponda per l'accorrente De Roon: l'olandese contro i suoi connazionali arriva con il piede lontano dal pallone e non centra la porta da posizione invitante.

EQUILIBRIO SENZA SUSSULTI - Il resto del primo tempo è un uno contro uno continuo, con i nerazzurri che preferiscono arretrare il proprio baricentro per non subire, mentre l'Ajax soffre l'assenza di Traoré: Brobbey con un colpo di testa, nel recupero, manda il pallone fra le braccia di Gollini con la testa. Per il resto, poco e niente.

FALSO NOVE - L'Ajax prova a cambiare le carte in tavola, inserendo Promes sulla sinistra e mandando Tadic a fare il centravanti meno fisico. La storia sembra modificarsi visto che Antony trova il corridoio giusto per il serbo: Gollini risponde e ci mette i pugni, il guardalinee alza la bandierina ma non c'è la certezza fosse davvero in offside. Al quindicesimo è però Hateboer a trovare spazio nella sua fascia e centrare per Freuler che, come il compagno di reparto nel primo tempo, non riesce a impattare bene.

SUPER GOLLINI - Zapata perde un contatto con Klaassen, forse irregolarmente, ma l'azione continua perché l'arbitro non rileva un fallo di gioco. Così nel prosieguo lo stesso Klaassen si trova con la palla per il vantaggio sul piede, ma Gollini lo contiene con un intervento di istinto che ha del miracoloso. Si rimane sullo 0-0 senza cambi da parte di Gasperini. A dieci dalla fine Gravenberch sbraccia su Gomez, prendendolo con un gomito. L'arbitro, a due metri, non vuole sapere ragioni: secondo giallo per l'olandese e Ajax in inferiorità numerica.

ALLA FINE ARRIVA MURIEL - A dieci dalla fine il colombiano sostituisce il proprio compagno di nazionale Zapata. Gomez lo pesca subito con il sinistro, ma il colpo di testa è tutt'altro che preciso. Poi Freuler saccheggia il pallone a metà campo, spedendo poi Muriel davanti alla porta. L'ex Udinese salta Onana e deposita in rete a porta vuota. Il Var conferma come non ci sia il fuorigioco, è 1-0. L'Atalanta passa per il secondo anno consecutivo agli ottavi di finale, con l'unra che si deciderà lunedì 14.

AJAX-ATALANTA 0-1
Marcatori: Muriel 85'.

Ajax (4-3-3)
Onana; Mazraoui, Schuurs, Lisandro Martinez (dal 90' Timber (dal 90' Alvarez)), Tagliafico (dal 63' Huntelaar); Labyad (dal 63' Ekkelenkamp), Klaassen, Gravenberch; Antony, Tadic, Brobbey (dal 46' Promes).

Atalanta (3-4-1-2)
Gollini; Toloi, Romero, Djimsiti; Hateboer, De Roon, Freuler, Gosens (dal 79' Palomino); Pessina; Gomez, Zapata (dal 79' Muriel).

Sezione: Copertina / Data: Mer 09 dicembre 2020 alle 20:53
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print