Col senno di poi tutto è più facile. Gian Piero Gasperini deve però fare i conti con una sconfitta pesante, non solo per via del risultato: il 4-1 subito contro il Napoli ha evidenziato un'Atalanta completamente assente e incapace di reagire a una squadra strutturata e ben messa in campo. Difficile individuare il colpevole - la prestazione collettiva è totalmente da cancellare -, ma qualche scelta differente andava fatta per poter dare maggior concretezza in una partita difficile sotto molti aspetti. Le note positive comunque ci sono, i nerazzurri finalmente hanno ritrovato Josip Ilicic: lo sloveno però non può essere giudicato dopo un periodo così complicato.

SCELTE SBAGLIATE? - Il modulo e gli accorgimenti tattici non si sono discostati tanto dalla normalità, ma qualche soluzione differente avrebbe potuto dare maggiore equilibrio alla Dea: la presenza di Freuler, ad esempio, per poter contrastare una forza fisica che lì in mezzo ha fatto la differenza. Non solo, Depaoli e Toloi sulla destra non hanno lavorato con la giusta fluidità che ci si aspetta dalla compagine del Gasp. Soltanto Gomez ha provato a suonare la carica, ma il campo alla fine ha dato il suo verdetto: serviva qualcosa di differente per poter limitare i danni e gestire al meglio il momento di apnea.

RITORNO AGRODOLCE - La bella notizia riguarda il numero 72: Ilicic è finalmente tornato, il calvario sembra essere definitivamente alle spalle. Resta il fatto che lo sloveno è sembrato abbastanza slegato dal gioco, lontano da quei meccanismi che contraddistinguono lo schema tattico degli orobici. Tempi immaturi per vederlo in campo? Assolutamente no, ma forse quella del San Paolo non era la partita giusta per poterlo utilizzare dal primo minuto. Il Professore è tornato, ma per il momento viene rimandato a novembre: tra due o tre gare capiremo meglio quali saranno le condizioni del fantasista nerazzurro.

Sezione: Copertina / Data: Mar 20 ottobre 2020 alle 09:00 / Fonte: Patrick Iannarelli
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print