Gli esami non finiscono mai. Anche per chi arriva da due 30 e lode consecutivi. È stato un mercoledì più che positivo dopo la sosta: Duvan Zapata è tornato al gol, seppur in amichevole, la breve distanza dalla Roma in classifica fa ben sperare e il mercato in entrata può portare al ritorno più che gradito di Mattia Caldara. Motivi per sorridere, anche in vista di un altro mini tour de force che accompagnerà i nerazzurri: Inter, Fiorentina (ottavi di Coppa Italia, ndr) e SPAL, tre gare importantissime per il gennaio atalantino. D'altronde dopo la finale raggiunta lo scorso anno la banda del Gasp vorrà provarci ancora.

CALDARA, PISTA CONCRETA - La società nerazzurra sta lavorando in entrata e l'obiettivo principale rimane Mattia Caldara, che potrebbe tornare alla base dopo una stagione e mezza. Ci sono alcuni ostacoli da superare, come ad esempio la formula dell'acquisto: gli orobici vorrebbero evitare il prestito secco di sei mesi, nelle ultime ore si è parlato anche di 18 mesi con riscatto a 15 milioni. Un tipo di operazione che piace all'Atalanta e già applicata in passato su alcune cessioni: ora la palla passa al Milan, ma sembra avvicinarsi il ritorno del centrale bergamasco classe 1994.

OBIETTIVO INTER - Sabato sera si torna in campo, su un terreno di gioco che l'Atalanta conosce benissimo per via della Champions League. Sarà l'ennesimo esame per una squadra che ha già dimostrato molto, ma che deve assolutamente imporsi contro un avversario complicatissimo e in splendida forma. Le imprese nel 2019 non sono mancate, ora l'obiettivo è quello di iniziare al meglio il nuovo anno con un altro risultato positivo. Non sarà semplice, ma questa squadra ha la consapevolezza di poter fare bene in ogni momento della stagione, figuriamoci dopo il secondo 5-0 consecutivo.

Sezione: Calciomercato / Data: Gio 9 Gennaio 2020 alle 12:30 / Fonte: tuttomercatoweb.com
Autore: Redazione TA
Vedi letture
Print