Gli stop di Roma, Lazio, Inter e Milan mantengono la Fiorentina in corsa per il terzo posto, anche dopo il rocambolesco pari interno contro i rossoneri: la distanza dai meneghini è invariata: 6 punti con gli scontri diretti a favore, il che vuol dire che in caso di arrivo a pari punti a passare avanti in classifica sarebbero i viola. Per questo e per altri motivi la Fiorentina va a Bergamo a caccia di impresa o meglio, di vittoria: l'Atleti Azzurri d'Italia di Bergamo infatti non può certo essere considerato una roccaforte, visto il misero bottino raccolto dagli orobici in casa nel 2013, una tendenza che va però via via attenuandosi nelle ultime settimane. In casa sono infatti arrivati i pesantissimi 4 punti contro Pescara e Samp che permettono ai bergamaschi di considerarsi praticamente in salvo con 7 giornate d'anticipo. Tuttavia di turnover non se ne parla nemmeno, complici anche le tantissime assenza che funestano l'organico neroazzurro così come quello viola. Complessivamente 15 se si sommano quelle di entrambe le squadre, un numero enorme che contiene anche nomi altisonanti quali Jovetic, Toni, Rossi, Savi, Bellini, Marilungo, Cigarini. Sarà dunque sfida tra squadre in emergenza, ma che non si possono certamente definire rimaneggiate, vista l'ampia gamma di alternative in possesso sia di Colantuono sia di Montella. Per il tecnico viola c'è da riscattare le ultime due deludenti prove con Cagliari e Milan e magari sconfiggere la "Jovetic-dipendenza", anche se senza Toni e Rossi il compito è certamente più arduo.

COME ARRIVA L'ATALANTA - Colantuono deve fare i conti con i postumi disciplinari della corrida assistita a San Siro: privo del gancio di Raimondi, il tecnico orobico lancia Scaloni dal primo minuto sulla fascia destra, mentre a centrocampo Radovanovic è l'ultimo centrocampista rimasto disponibile dopo le squalifiche a Carmona e Cigarini e l'indisponibilità di Cazzola. Davanti Livaja ritrova il posto da titolare affiancando Denis e spedendo in panchina Moralez, con Bonaventura che scala laterale di sinistra.

COME ARRIVA LA FIORENTINA - Senza Jovetic e Toni, Montella fa la conta dei presenti in casa viola, specie in attacco, dove dopo mesi di panchina e tribuna potrebbe rivedersi dal primo minuto El Hamdaoui, affiancato dall'ormai inamovibile Ljalic, in gol anche contro il Milan. A centrocampo Pasqual potrebbe non essere della gara, pronto al suo posto Romulo, mentre il trio centrale sarà quello titolarissimo, con Cuadrado a completare il quintetto. Dietro, senza lo squalificato Tomovic, sarà Compper ad affiancare Roncaglia e Rodriguez davanti a Viviano.

Sezione: Accadeva il ... / Data: Sab 13 aprile 2013 alle 15:30 / Fonte: TMW
Autore: TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print