Udinese-Atalanta ieri non si è disputata per la troppa pioggia caduta sulla Dacia Arena, ma La Gazzetta dello Sport oggi titola: "Un rinvio che fa bene. Energie risparmiate in vista dell'Ajax". Non ha cantato sotto la pioggia per la felicità, ma è difficile immaginare che Gian Piero Gasperini abbia preso male il rinvio di Udinese-Atalanta: avrebbe voluto anticiparla di un giorno, se l’è trovata addirittura cancellata. Così ha deciso l’arbitro La Penna, in stretto collegamento con i responsabili della Lega Serie A, una volta verificata l’irreversibile impraticabilità del prato della Dacia Arena dopo tre sopralluoghi con i due capitani, De Paul e Toloi, e 50 minuti di riflessione, nel tentativo di «salvare» la partita. Perché il calendario è già abbastanza intasato: ovviamente impossibile lo slittamento della gara a oggi (l’Atalanta gioca mercoledì in Champions), il recupero potrebbe essere il 19 o il 20 gennaio, se la gara di Coppa Italia della Dea sarà in calendario la settimana precedente.

Il club aveva chiesto, senza successo, di giocare a Udine un giorno prima. Il diluvio le ha dato un vantaggio ancora superiore: i nerazzurri così hanno evitato le tre partite in nove giorni e affronteranno l’Ajax a otto giorni dall’ultima. Energie risparmiate: 90’ contro una squadra in salute come l’Udinese, da giocare in un pantano, non avrebbero fatto bene alla freschezza delle gambe dei nerazzurri, che Gasp ieri ha fatto allenare su un campo sintetico di Udine, prima di rientrare a Bergamo (in pullman, per un guasto all’aereo).

Sezione: Copertina / Data: Lun 07 dicembre 2020 alle 09:24
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print