23.12 - Fra poco la conferenza stampa di Gian Piero Gasperini, allenatore dell'Atalanta, dopo la vittoria per 4-1 contro il Valencia nell'andata degli ottavi di Champions League.

Non è amareggiato... "Sto già pensando al ritorno".

A parte il 4-1, impensabile per la storia dell'Atalanta, però Celades ha detto che è bugiardo, perché i valori della partita non sono così diversi. "Ci sta, è una considerazione. Per quello che è stata la partita potevamo fare più gol noi e più gol loro. Rimane comunque il 4-1 che è un ottimo risultato, anche se io sono convinto che dovremo conquistarcela con personalità sul loro campo".

Ci sono stati dei problemi a metà? "Ci mettevamo tanto a recuperare palla, avevano un palleggio molto valido, forse eravamo un po' sotto. Il fatto di andare in vantaggio eravamo un po' prudenti, rischiando di pagarla. Quando abbiamo alzato il contrasto e recuperato palla abbiamo creato ottime opportunità. Alle volte potevamo farlo anche con più qualità, sbagliato molto nel ripartire. Quando ci siamo riusciti abbiamo fatto dei gol. Qualche errore di troppo, nel secondo tempo sul 4-0 abbiamo regalato tante situazioni pericolose, perdendo palloni al limite dell'area. La maggior parte delle occasioni sono nate così, è un aspetto da migliorare molto e bene, a Valencia, dove ci giocheremo la qualificazione".

Quante possibilità avete di passare il turno? "Il 4-1 è un ottimo risultato, nessuno lo nega. Soprattutto sotto l'aspetto tecnico, dovremo fare una buona fase difensiva ma dovremo proporci, non pensare di fare 90 minuti d'assedio, primo perché non è nelle nostre caratteristiche, ma sarebbe il modo migliore per rilanciarsi".

Come era il terreno di gioco? "Effettivamente... Ma non era così male. C'è stato un derby l'altra domenica, due partite di Coppa Italia la scorsa settimana, lunedì ha giocato il Milan con il Torino... Noi siamo ospiti, è già tanto. Tutto quello che è stato fatto da Milano per garantirci questa Champions".

Ha messo Zapata per tenere su i palloni? "No, ma non avevo difensori in panchina, Djimsiti ha avuto un problema muscolare. Caldara ha fatto un'ottima partita, ma nel finale era abbastanza fermo e ho messo De Roon nei tre dietro. Ho dovuto adottare questa soluzione".

Vale l’etichetta di grande squadra? “Non possiamo mettercela noi, servono i grandi risultati. Percorsi da ottima squadra, cresciuta. Per noi è importante che il nostro calcio fosse valido e competitivo, in Europa League e in Champions. Noi viviamo alla giornata e cerchiamo di crescere di volta in volta, queste tappe ci hanno aiutato. Pensiamo a fare bene in campionato, cerchiamo di superare il turno perché ci dà la possibilità”.

Ha una dedica speciale? "Ce la siamo fatti tutti insieme, spostare così tanta gente, con questo entusiasmo, allo stadio... Speravamo di dare una vittoria, è arrivato un risultato importante, questa è una serata che ci ricorderemo tutti per un bel pezzo. Il risultato è stato il regalo più grande".

Djimsiti come sta? “Ha un piccolo ematoma sul quadricipite, ha preso una botta da Ilicic. Nel riscaldamento aveva fastidio a calciare”.

Primo gol di Ilicic e due reti di Hateboer... "Lo avete fatto arrabbiare, era l'unico che non aveva ancora fatto gol. Penso non avesse mai una doppietta, però è in straordinaria condizione fisica. Ilicic ha fatto un grande gol, ne ha fatti altri così... Di destro l'ha fatto con il Milan. Lui e il Papu sono pericolosissimi, sta facendo una stagione fantastica. In campionato se togliamo i rigori sarebbe secondo".

23.40 - Finisce la conferenza stampa di Gasperini.

Sezione: Altre news / Data: Mer 19 Febbraio 2020 alle 23:31 / Fonte: Andrea Losapio
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print