La prima vittoria sul campo è arrivata, in attesa del ricorso della Roma. L’Hellas Verona di Ivan Juric continua a stupire tutti: contro l’Udinese finisce 1-0 grazie al gol di Andrea Favilli, subentrato al posto dell’infortunato Di Carmine. Tre punti preziosi per gli scaligeri che confermano ciò che di buono è stato fatto nello scorso anno. Ora ci sarà la sfida col Parma per riconfermarsi prima della sosta. Falsa partenza per l’Udinese di Gotti, mercoledì i bianconeri cercheranno di rifarsi nel match di recupero contro lo Spezia.

FORMAZIONI - Solito 3-4-2-1 per Juric, con Di Carmine in attacco supportato da Barak e Zaccagni. Cabina di regia affidata a Veloso con Tameze a recuper palloni in mezzo al campo. Mister Gotti opta per l'attacco pesante: Lasagna e Okaka davanti nel 3-5-2 con De Paul libero di muoversi in mediana. Scelte quasi scontate, soprattutto in casa Hellas.

15’ DI FUOCO - La prima parte del primo tempo inizia con l’Hellas Verona al massimo e un Udinese costretto a difendersi: al 6’ Zaccagni fa tremare tutti con una conclusione dalla distanza che esce di pochissimo. Dopo pochi minuti ci prova anche Cetin sugli sviluppi di un calcio di punizione, ma il pallone termina alto sopra la traversa. Al 15’ Lasagna spaventa Silvestri: tiro a giro di prima intenzione sull’imbucata di Coulibaly, traiettoria imprecisa che però fa tremare i 1.000 presenti al Bentegodi.

POCHE EMOZIONI - Dopo le prime sfuriate iniziali i ritmi si abbassano: Tameze prova a suonare la carica con una conclusione dalla distanza: ottima conclusione, ma il pallone termina ancora fuori dallo specchio della porta. Dopo 2’ De Paul risponde presente con un’azione personale, ma sulla conclusione l’argentino trova i guantoni di Silvestri. Il portiere del Verona diventa decisivo anche nel finale, dove devia sulla traversa un colpo di testa di Becao.

FAVILLI NON SBAGLIA - Nella ripresa i padroni di casa alzano il ritmo come nel primo tempo, ma i bianconeri rispondono colpo su colpo. La prima conclusione pericolosa è di Lasagna, al 55’ ci pensa Faraoni a scaldare le mani a Musso dopo un’azione manovrata dei gialloblù. La svolta del match arriva due minuti più tardi: Barak affonda sulla destra e mette in mezzo un bel pallone, Faraoni devia col petto facilitando la girata di Favilli, imparabile per il portiere dei friulani.

TIMIDA REAZIONE - Il Verona sembra star bene soprattutto dal punto di vista fisico, l’Udinese ci prova più di nervi che di qualità. Al 67’ Ouwejan prova la conclusione dalla distanza, ma Silvestri ci mette la mano e devia in corner. La partita procede con la solita intensità, le emozioni però tardano ad arrivare. Nel finale Gotti gioca con tre punte, ma i suoi non capitalizzano i palloni che spiovono nell’area avversaria. Nestorovski nel finale prova a pareggiare i conti, la sua girata si spegne sul fondo. Verona cinico, Udinese che spreca troppo: al Bentegodi decide Favilli.

TABELLINO

HELLAS VERONA - UDINESE 1-0

Marcatori: 57’ Favilli (Ver)

Hellas Verona (3-4-2-1): Silvestri; Cetin, Gunter, Lovato; Faraoni, Tameze (dal 90’ Dawidowicz), Veloso, Dimarco; Barak, Zaccagni (dal 77’ Colley); Di Carmine (dal 40’ Favilli). A disposizione: Pandur, Berardi, Lazovic, Udogie, Ilic, Terracciano, Salcedo, Lucas, Ruegg, Dawidowicz. Allenatore: Ivan Juric

Udinese (3-5-2): Musso; Becao, De Maio (dal 79’ Nestorovski), Samir; Ter Avest, De Paul, Arslan (dal 61’ Ouwejan), Coulibaly, Zeegelaar (dal 61’ Forestieri); Lasagna, Okaka. A disposizione: Nicolas, Gasparini, Prodl, Nuytinck, Battistella, Micin, Palumbo, Matos, Ekong. Allenatore: Luca Gotti

Arbitro: Manuel Volpi di Arezzo

Ammoniti: Favilli (Ver)

Espulsi: -

Mg Verona 27/09/2020 - campionato di calcio serie A / Hellas Verona-Udinese / foto Matteo Gribaudi/Image Sport
nella foto: esultanza gol Andrea Favilli
Mg Verona 27/09/2020 - campionato di calcio serie A / Hellas Verona-Udinese / foto Matteo Gribaudi/Image Sport nella foto: esultanza gol Andrea Favilli © foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Sezione: Altre news / Data: Dom 27 settembre 2020 alle 17:45
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print