Strabordante. L’inizio di questo 2021 ricorda tantissimo a livello di prestazione e risultato, l’inizio del travagliato anno appena vissuto, quel 5-0  al Parma dell’Epifania scorsa. Squadra rientrata dalla breve sosta natalizia, tirata a lucido come nelle grandissime occasioni. Una coralità straordinaria dove alcuni interpreti si sono distinti più di altri. In primis, si è rivisto uno Zapata bestiale, con l'istinto da killer sotto porta. Ottime giocate di Ilicic, ma da lui se in forma, siamo abituati a ben altro ancora.. 

Chi ha fatto prestazioni da leader sono gli uomini in mezzo al campo, la cerniera costituita dai gemelli diversi: Remo e Marten: mostri di continuità e muro invalicabile, dove i seppur bravi giocatori neroverdi, continuavano a sbattere. Lo svizzero, capitano per l’occasione, ha impreziosito la sua prestazione con due assist al bacio, dimostrando ormai di essere veramente un centrocampista di grandissimo livello europeo.

Per ultimo, come non citare Matteo Pessina. Il brianzolo sta acquisendo sempre più consapevolezza dei suoi mezzi ed é riuscito finalmente a far tornare un giocatore italiano sul tabellino dei marcatori nerazzurri dopo parecchio tempo.

Ora prepariamoci ad un’altra Epifania contro i ducali, squadra in crisi di gioco e risultati. Un successo rilancerebbe gli uomini del Gasp nelle posizioni che le competono, seppur con una partita in meno, perché parliamoci chiaro, vedere questa Atalanta fuori dalle prime quattro, è semplicemente un delitto.

Sezione: Copertina / Data: Lun 04 gennaio 2021 alle 00:00
Autore: Mister 'X'
Vedi letture
Print