Viktor Kovalenko è nato a Kherson, città dell’Ucraina inizialmente conquistata dai russi e poi liberata. Quando iniziò la guerra, Viktor giocava nello Spezia, ora fa parte della rosa dell’Empoli e a La Gazzetta dello Sport racconta il suo stato d’animo anche perché non vuole che si spengano i riflettori sul dramma del suo popolo: "La famiglia? Ci siamo un po’ sparpagliati. Papà, che si chiama come me, mi ha raggiunto a Empoli. Mamma Ludmilla ha deciso di restare a Kherson. Mio fratello Dimitri si è spostato in Germania e per fortuna lavora lì. La mia fidanzata Anastasia di solito è qui a Empoli, ma adesso è tornata a Kiev dalla sua famiglia per qualche giorno: trenta ore di pullman. Da Firenze ogni settimana ci sono le partenze. Non sono preoccupato, a Kiev la situazione è sotto controllo".

Da quanto tempo non va in Ucraina?
"Tre anni. Mi manca tanto casa mia. L’ultima volta organizzai una bella cena con gli amici. Io sono fortunato: i calciatori professionisti danno lustro al Paese e non sono stati chiamati a combattere. Ma i non professionisti, invece, hanno fatto la guerra".

L’unico calciatore russo della A è Miranchuk (a parte Sazonov, nato a San Pietroburgo, ma naturalizzato georgiano). In Empoli-Atalanta eravate entrambi in panchina. Quali sentimenti prova verso i colleghi russi? "Non so come reagirei se trovassi un russo in campo. Non è colpa loro, ma mi dispiace che non abbiano usato i Social e la popolarità per diffondere messaggi contro la guerra".

Mg Bergamo 31/07/2021 - amichevole / Atalanta-Pordenone / foto Matteo Gribaudi/Image Sport
nella foto: Viktor Kovalenko
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Sezione: L'angolo degli ex / Data: Mer 22 novembre 2023 alle 23:33
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
vedi letture
Print