"Dispiace aver preso gol in un momento in cui pensavamo di aver vinto la partita". Un pizzico di rammarico c'è nelle parole di Gian Piero Gasperini, ma il tecnico dell'Atalanta è soddisfatto della prova della sua squadra sul campo della Juventus. Il tecnico nerazzurro è intervenuto alla vigilia del derby contro il Brescia sul sito ufficiale atalanta.it per analizzare la sfida con le rondinelle: "Non sono mai stato rammaricato del 2-2, la prestazione è stata talmente buona che non puoi avere rimpianti. Dispiace aver preso gol in un momento in cui pensavamo di aver vinto la partita, ma poi c'è tutto il resto di buono che abbiamo fatto e che ci è stato riconosciuto, abbiamo giocato bene sul campo della Juve. Ora dobbiamo essere bravi a giocare il resto del campionato, visto che siamo molto vicini al nostro obiettivo".

Cosa le è piaciuto di più?
"Mi è piaciuta la sicurezza e la tranquillità con cui abbiamo giocato. Abbiamo svolto i nostri compiti, siamo riusciti a fare ciò davanti ad una squadra che sta vincendo il campionato e che può essere protagonista anche in Europa".

Qual è il complimento più bello che avete ricevuto?
"È sempre legato alla squadra e al modo di giocare, piace il nostro modo di giocare. Questo per noi è motivo di soddisfazione, ma poi va abbinato al risultato, una cosa fondamentale. Adesso dobbiamo continuare così, dobbiamo saperci adattare ad altre partite. Ora c'è la sfida con il Brescia che comunque è un derby e come tale ha le sue incognite".

La concentrazione non può calare in questo momento.
"La partita col Brescia è diversa e con altri tipi di incognite, le motivazioni dell'avversario possono essere molto alte. Noi dobbiamo pensare alla possibilità di qualificarci in Europa: con tre punti matematici tagliamo fuori il Napoli, questo a cinque giornate dalla fine sarebbe un grandissimo traguardo. Non vogliamo però fermarci qui e fare il massimo, per fare bene anche in Champions ad agosto".

Si incontrano le due squadre maggiormente colpite dal Covid-19.
"In mezzo a cosi tanta rivalità calcistica c'è stato un riavvicinamento delle due popolazioni, colpiste nello stesso modo. L'identificazione di due territori può essere qualcosa di altamente positivo".

Come sta Ilicic?
"È in crescita, è un giocatore che stiamo recuperando: quando sarà al massimo avremo una forza notevole in più nelle varie alternative, ha voglia di tornare protagonista".

Ha già fatto la formazione?
"Giocando così ravvicinato dobbiamo verificare alcune situazioni, qualche botta c'è stata. Abbiamo 24 ore, che sono parecchie: da qui a domani cercheremo di mandare in campo la miglior formazione. Questo match è importante come le partite precedenti".

L'Atalanta è vicina alla qualificazione in Europa per il quarto anno consecutivo.
"È qualcosa di straordinario se penso a quando sono arrivato qui quattro anni fa. Vogliamo però proseguire, ci sono il record di punti, di gol e di vittorie da raggiungere: ci sono tante cose per poter fare bene nelle ultime sei partite".

Sezione: Altre news / Data: Lun 13 luglio 2020 alle 20:31
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print