Il futuro di Mattia Caldara è sempre più incerto. Il difensore è tornato all'Atalanta nel gennaio del 2020, in prestito per 18 mesi. Il centrale è partito subito titolare con Gasperini ed è stato protagonista anche alla ripresa post lockdown. I problemi fisici continuano ad inseguirlo e ad inizio stagione ha subito una lesione al tendine rotuleo: il giocatore è tornato disponibile ad inizio anno, ma nelle ultime partite ha collezionato solo panchine. Milan e Atalanta si erano accordate per 18 mesi di prestito senza un obbligo di riscatto, ma solo un diritto fissato a 15 milioni, con il difensore che aveva prima prolungato il contratto con i rossoneri fino al 2023.

Se dovesse andare a buon fine l'operazione legata ad Anel Ahmedhodzic, difensore centrale del Malmoe, la Dea potrebbe anche scegliere di farlo rientrare a Milano a fine stagione. 

Sezione: Calciomercato / Data: Ven 29 gennaio 2021 alle 07:30
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print