Dire che è entrato in punta di piedi è poco. A gennaio l’Atalanta, per rimpolpare la linea mediana e permettere ai vari De Roon e Freuler di tirare il fiato, ha scelto di puntare su Adrien Tameze, centrocampista centrale proveniente dal Nizza. Nella squadra transalpina il classe ’94 era un titolare fisso, almeno fino alle discussioni con la società che lo hanno portato ai margini della rosa. Con la Dea però il francese ha faticato (almeno per ora) ad imporsi: Gasperini ha optato per un ingresso in squadra soft e così è stato: 2 presenze e 8 minuti in Champions, 2 presenze e 6 minuti in Serie A. 4 finali di gara buoni soprattutto per perdere tempo, visto che la Dea in tutte le occasioni stava vincendo quelle sfide. Al rientro però la situazione potrebbe essere diversa. Col favore del tempo e del lavoro, Gasperini ha dimostrato di riuscire a inserire senza grossi problemi nuovi interpreti nel suo complesso impianto di gioco. E col migliorare della lingua, magari anche Tameze avrà più spazio. Anche perché come noto il calendario è fitto e se la Dea vuol arrivare all’appuntamento Champions di agosto con ancora benzina nel serbatoio servirà l’aiuto di tutti. Tameze compreso.

Età: 26 anni
Posizione: centrocampista
Quanto ha giocato in questa stagione: 13 partite. 8 in Ligue 1, 2 in Champions League, 2 in Serie A e 1 in Coupe de la Ligue per un totale di 587 minuti (solo 14’ con l’Atalanta)
I suoi numeri in stagione: 1 gol in Ligue 1

Sezione: Calciomercato / Data: Sab 06 giugno 2020 alle 18:15
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print